21/08/2013

Un pensiero diffuso tanto da essere diventato praticamente un dogma su cui non riuscirò mai a trovarmi d’accordo è: “eh, però architettonicamente il fascismo ha fatto grandi cose”. Parliamone. Se per “grandi” si intende fisicamente grandi, ok, ma se invece si vuole dire “belle”, allora boh, sarò io ad avere problemi con le ostentazioni marmoree di maschialità imperiale, ma ogni volta che vado all’Eur mi colgono desolazione e freddo nelle ossa, mi fa lo stesso effetto di quei paesi del Texas con un Mc-drive, una pompa di benzina e un negozio di pistole: ne colgo il fascino oscuro, la bellezza no. Ecco, Calcutta viene dalla città fascista per antonomasia, Latina, e la sua musica ha quell’appeal un po’ lugubre che si associa alle geometrie di regime piantate sulle paludi: è respingente, con quelle chitarre scarne e gli effetti sgranati e la voce poco melodiosa, ma anche attraente in un modo vagamente malato, come un pomeriggio solitario ad agosto sotto il sole su una panchina in una piazza deserta. Calcutta racconta storie minime di amori andati male, matrimoni a Pomezia, disagi adolescenziali e sesso all’odore di “Arbre magique” (dove si cita il gran maestro dei cantautori diversamente intonati e la sua “cantina buia dove noi” che “non abbiamo avuto mai”. C’è la crisi!), come un Vasco Brondi illuminato dal lattiginìo dell’umidità basso-laziale invece che dai fari di notte e dalla gigantesca scritta Coop, come un Dente di frontiera. Astenersi immuni al fascino della decadenza.

Commenti (5)

Carica commenti più vecchi
  • Zagor 21/08/2013 ore 20:26 @zagor

    cara Letizia . quest'album è denso di canzoni bellissime . come fai a non sentire questi brani che ti accarezzano la pelle fino ad andar ad abitare nel cervello che per un po ti ripeterà i ritornelli ? parole che giocano malinconiche nei testi . il reverbero che rende tutto infinito : canzoni per sempre . suoni misteriosi e giocattolo e ondulati qua e la che ti fanno il girotondo attorno . siamo di fronte a un disco puro e ispirato e registrato in manietra originale e non banale . prova a riascoltarlo un'altra volta, vedrai che le canzoni ti sorrideranno e il tuo cervello se ne approprierà per ritirarti fuori ritornelli a sorpresa mentre vai a fare la spesa .

    Zagor Camillas

  • Federico Doria 22/08/2013 ore 12:00 @elsenorpablo

    concordo con Zagor, la recensione sembra un pò superficiale.

  • letizia bognanni 22/08/2013 ore 19:46 @letix77

    Ma io non ho mica detto di essere fra quelli immuni al fascino della decadenza ;)

  • Elio Petri 23/08/2013 ore 02:59 @eliopetri

    disco bellissimo. calcutta andrà in tour con ramazzotti fra 30 anni. lo abbiamo già deciso

  • Tessõ Luis 29/08/2013 ore 14:16 @faccia.a.libro

    disco molto controverso

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati