EARTHIST Now. Here. Or Nowhere. 2013 - Rock, Alternativo, Britpop

Now. Here. Or Nowhere. precedente precedente

Qui, ora, un gruppetto da tenere d'occhio.

Citazione trita del giorno: “ci vogliono vent'anni per fare il primo disco/libro/opera d'ingegno qualsiasi, un anno per fare il secondo”. A prescindere da quanto ci metteranno gli Earthist per fare il secondo disco, la prima parte dell'affermazione è in questo caso vera ma incompleta: perché loro hanno vent'anni, ma il disco ne dimostra di più. Non nel senso che sembra vecchio, nel senso che rivela ascolti più vari e maturi di quanto lascerebbe intendere il loro definirsi britpop. Non ci sarebbe niente di male eh, e non è che dicano bugie: in realtà il pop d'oltremanica c'è, ce n'è tanto, però c'è anche una sana e robusta attitudine a spaziare e a non rinchiudersi negli stereotipi di un genere, un'attitudine open-minded che ha come risultato un lavoro che, anche se a tratti si fa prendere la mano ed esagera con l'enfasi, suona nel complesso non banale e ben curato, con canzoni destrutturate ma senza sboronate e pesantezze da wannabe Pink Floyd, con chitarroni hard (“Gently Collide”, “Sealence ok”) e chitarrine folk (“birth and fall”), con un po' di flower power qua (“White Oak”) e un po' di new romantic là (“Jackal”), e ovunque un genuino istinto per la melodia e il buon pop. I ragazzi sono intelligenti e si applicano, dovrebbe essere un connubio vincente, aspettiamo e vediamo.

---
La recensione Now. Here. Or Nowhere. di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-09-12 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia