la van guardia la van guardia 2013 - Cantautoriale, Jazz, Etnico

precedente precedente
09/10/2013 la van guardia 0

Folk dalle sfumature etniche e jazz. Un buon esordio.

Il gruppo capitanato da Fabio Curto (alla voce e al violino) esplora sonorità mediterranee, per esempio attraverso l'abile uso di uno strumento versatile e inconsueto come il charango, richiamando con devota nostalgia strumentale il De André di "Crêuze de mä". Questo gusto filologico per il folk e l'etnico si palesa soprattutto nei primi due brani del disco "Aurora" e "Il Funambolo di Poznan". La Van Guardia però ripercorre questi sentieri già battuti con un piglio gitano e goliardico, dissemina in tutta la tracklist ritmi scanzonati e incalzanti propri del jazz (anche per merito delle incisive linee di contrabbasso) ma soprattutto testi ricchi e frizzanti che ricordano il Capossela più circense di "Canzoni a Manovella". Meritano più di un ascolto, in un futuro prossimo potrebbero rivelarsi una gran bella scoperta.

---
La recensione la van guardia di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-10-09 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia