redroomdreamers Honduras 2013 - Indie, Alternativo

Disco in evidenzaHonduras precedente precedente

Un atto d'amore nei confronti dell'indie rock

Negli anni Novanta (e nei primi ventiquattro mesi dei Duemila) si suonava così: analogici, valvolari, introspettivi. Una lezione che i Redroomdreamers hanno assimilato bene, a tratti benissimo. "Going To The River" apre le danze malinconiche di "Honduras" con pennellate solenni e tristi, come possono esserlo quelle giornate nelle quali ci si ritrova con gli obiettivi mancati e nessuna via di fuga davanti. A conti fatti, il brano migliore del disco: slowcore a metà tra Karate e Red House Painters.

"Inside You" è un rock'n'roll frenetico, da corsa verso l'abisso e ritorno, tipo un Mice Parade armato di due soli accordi, quelli giusti. "New Day" è una dissonante ballata fatta di sgambetti ritmici, bassi molleggiati e chitarre secche alla maniera dei vecchi Unwound. "The Hole" è una chiusura atmosferica che ruota attorno agli arpeggi sospesi e a quella voce lieve e drammatica allo stesso tempo.

I Redroomdreamers hanno un suono che è un atto d’amore nei confronti dell’indie rock. Tra i nove brani di “Honduras” si celano piccole gemme che non sono nostalgiche: sono ispirate.

---
La recensione Honduras di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2013-11-18 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia