21/01/2014

Piove e cerco di distrarmi dall’uggia opprimente e ansiosa che tipicamente sprigiona una giornata autunnale in pieno inverno, e invece no, basta una manciata di suoni ossessivi a inchiodarmi nella stretta di ore circolari, delusioni cicliche, depressioni caspiche. Chitarra e batteria scivolano tra ambienti totalmente lo-fi e rumori distanti, s’aggrappano a momenti piccoli, inquadrature fuori fuoco, a mood minimali e fatti di linee e punti tracciati con leggerezza: nessuno spazio per la voce, nessuna concessione a strutture complesse o enfasi, soltanto dilatazioni, incursioni di strumenti giocattolo e programmi radio, per una viaggio in spazi acustici improvvisati e tinti di ipnosi.

Lavoro affascinante seppure grezzo, questo disco contiene la pioggia, l’illusione, il post rock e la psichedelia intesa nella precipua capacità di portare altrove la mente, e con una maggiore cura potrebbe venir fuori qualcosa di davvero interessante.

---
La recensione Orsolarx - Recensione - The Musical (Drop)box di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati