A Modern Safari s/t 2003 - Rock, Alternativo, Post-Rock

s/t precedente precedente

Dopo lo splendido split Giardini di Mirò/Deep End di qualche tempo fa, la Love Boat torna a riaffacciarsi con una produzione nuova di zecca su quello che una volta avevamo definito ‘il piccolo mare della musica indipendente italiana’. Come sempre dedita a suoni più obliqui che lineari, dunque, ecco a noi/voi gli A Modern Safari, quartetto romano che proverò a descrivervi spero con la stessa passione che vive dentro la musica di questo dischetto.

Certo non possiamo che parlare di rock: le otto canzoni qui contenute non sono altro che uno spaccato di cinquanta anni o più di guitar sound rivisitati secondo una prospettiva moderna e carismatica, seppur non ancora pienamente personale.

Immaginatevi di stare oltre il tempo, in un posto al di sopra delle cronologie e delle discografie, e di guardare giù: qui c’è il wah-wah e c’è Hendrix, qui c'è l’avant rock e il jazzy dei Karate, qui ci sono i Mogwai e anche Neil Young. Qui ci sono canzoni dalle atmosfere vivide e dall’andatura solare, musica che parte dalle citazioni per decollare e andare oltre.

Dovreste visitare i paesaggi che vengono disegnati nelle parti più eteree e progressive del dischetto, dovreste amarne le sfumature e i colori che crescono e diminuiscono come le dinamiche, poi dovreste oscillare la testa aspettando che la musica si apra ancora una volta, un’altra volta.

Poco importa se la voce non è ancora pienamente matura o se il budget ha permesso solo uno studio buono e non uno eccellente, perché questo è un disco che trasuda anima ed emozioni come pochi al giorno d’oggi sanno fare. Questo è un disco che merita per davvero, e se non è primascelta è solo perché sono sicuro che il prossimo potrà essere ancora meglio, ancora più compiuto, ancora di più.

Non dimenticate “A modern safari”: quando per la prima volta ho sentito il finale di “Geometrical forms”, una lacrima, vi giuro, mi è scesa dagli occhi. Solitaria, sia chiaro, ma felice.

---
La recensione s/t di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2003-02-13 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • dickinabox 13 anni fa Rispondi

    bhe questo disco spacca non ce n'è!