< PRECEDENTE <
album Pontchartrain Cesare Carugi

recensione Cesare Carugi Pontchartrain

IRD 2013 - Cantautoriale, Rock, Alt-country

RECENSIONE
13/03/2014

La sua ispirazione migliore viene da Bruce Springsteen e dai Dire Straits, con un calore che, se anche a tratti non regge perfettamente il confronto con il passato remoto, acchiappa per gradevole malizia. Chitarrista dallo stile caldo, erede di Clapton o Cale, Cesare Carugi presenta un lavoro semplice e pulito, sensibile, in cui la voce nebbiosa, alcolica, profonda, restituisce agli splendori di un tempo un personale e avvolgente rock romantico. Alternando l’immagine di ragazzo della porta accanto con quella di uno spirito randagio, ci presenta una versione meno esplosiva del suo repertorio ("Carry the torch"; "Long nights awake"; "Charley Varrick"), virata con decisione verso territori severamente blues ("Pontchartrain shuffle"; My drunken Valentine") che sbrodolano in spigolature più veraci e sanguigne (Crack in the ground). Feeling adeguato, palpitante e tenero. La scommessa è vinta? Rimaniamo ad ascoltare.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani