20/10/2013

“Someday somewhere” è il debut-album di The Shape, the Sound, the Colour pubblicato da Brainstorm Studio. Cinque tracce che presentano la chiara matrice della band fiorentina: alternative-rock dalle sfumature easy listening che ricalca un modello Fall Out Boy incattivito però da sonorità più emozionali. In alcuni frangenti brilla di fulgida luce propria: la open-track è convincente ed offre un bigliettino da visita chiaro e di forte impatto. Sulla distanza, purtroppo, le ispirazioni artistiche decadono e la qualità decade inesorabilmente verso progressioni melodiche già ascoltate. Promozione piena per Claudio Di Santo: un cantato inglese versatile e privo di inflessioni che lascino trapelare incertezze linguistiche come anche risulta positiva la produzione nel suo complesso. In definitiva, i 20 minuti scarsi rappresentano un ascolto abile ad incuriosire ma non privo di scivoloni: un'apertura coi fuochi d'artificio non riesce a salvare un prodotto che necessita di maggiore cura. Rimandati al prossimo full-lenght.

---
La recensione The Shape, The Sound, The Colour - Recensione - Someday Somewhere di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati