L'Invasione degli Omini Verdi Il Banco Piange 2013 - Punk, Hardcore, Punk rock

Il Banco Piange precedente precedente

Ottimo lavoro per una band che dopo 14 anni di carriera sforna ancora un disco interessantissimo

Da una band con 14 anni di storia alle spalle è giusto aspettarsi il massimo, e infatti gli Omini Verdi non deludono le aspettative, realizzando un disco solidissimo, che muove dal classico hardcore punk per accogliere influenze di rock'n'roll e stoner. Infatti accanto a momenti che sfiorano il metal (“Il bene comune”), convivono brani puramente hardcore come “Solo follia”, o ancora nu-metal (“Troia Brucia”), il tutto mantenendo un riconoscibilità nel timbri e nel sound che rende il disco compatto e violento come una craniata.

Sin dalla prima traccia “Il meglio di me” è chiaro che tra le grosse chitarre e il drumming serrato, c'è tanto spazio per momenti sing-along che rendono i bei testi dei veri e propri slogan da urlare sotto palco. Gli Omini Verdi mettono il dito nelle piaghe di molte problematiche attuali: lo strapotere delle case farmaceutiche (“L'ultima cavia”), la sfiducia e il disinteresse verso la politica (“Hai ragione”, “Rivoluzione”), la salvaguardia degli animali, l'ambientalismo e molto altro, sempre con il linguaggio chiaro e diretto di chi di certo non la sta mandando a dire.

Fiore all'occhiello, una produzione limpida e pulita, che nulla toglie alla potenza de “Il banco piange”, anzi mette in risalto l'ottimo lavoro sulle dinamiche e i timbri.

---
La recensione Il Banco Piange di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-03-28 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • dhope 8 anni Rispondi

    bellissimo album con tanti ottimi messaggi!!!! BRAVI!

IL TUO CARRELLO