< PRECEDENTE <
album Destroy bad world - Subconscio

recensione Subconscio Destroy bad world

2002 - Sperimentale, Progressive, Metal

RECENSIONE
22/02/2003 di Keverich

Uno strano demo questo dei Subconscio, fatto di rock italiano con un pizzico di hard-rock progressive. Certo, nulla di scandaloso ci mancherebbe, e vi dirò (anzi scriverò), di più; inizialmente sottovalutato dal sottoscritto a causa dei vari ascolti superficiali e fugaci, alla fine dei conti sono ben contento di far conoscere questa band a tutti voi in maniera positiva.

Sei brani in tutto (di cui due cantati in italiano e i restanti in lingua inglese), che scorrono molto piacevolmente nel lettore cd. Non vogliono dimostrare niente questi quattro ragazzi provenienti dalla Calabria: niente virtuosismi d’alto livello, cambi di tempo impossibili o passaggi inarrivabili come il buon ramo della musica progressiva insegna, bensì brani basati sulla melodia e un arrangiamento molto puntiglioso.

“Self destruction” può rappresentare a mio avviso il pezzo più studiato musicalmente e quello più tecnico, mentre “I’m just sayin’ it for you” è una ballata un po’ troppo lenta e noiosa che si trascina in una melodia già mille volte sentita. “You can’t lie again”, invece, può considerarsi come quello più commerciale e semplice - quindi quello più orecchiabile e alla portata di tutti, carico di pathos, soprattutto sul finale, dove il pianoforte duetta con bellissimi accordi con la voce.

Il gruppo dal meglio di sé in “Hunted”, veloce, precisa e con un organetto che ricorda gloriosi gruppi del calibro di P.F.M. o Le Orme, ma anche la più lunga fra tutte come durata e che ha poche parti di cantato (il tutto per far risaltare le qualità tecniche di tutti i musicisti rimaste un po’ nascoste nei brani precedenti).

“Clone” e “Preda” sono le due canzoni cantate in italiano, e grazie alla bellissima voce di Simone Miceli (che cura e suona anche le parti di basso), il tutto rimane subito e facilmente impresso nelle nostre menti. Anche la registrazione è molto buona, e la tecnica strumentale ci pare di pari livello, qualità che difficilmente si sentono nella maggior parte dei demo che arrivano.

Complimenti perciò a questo giovane gruppo del Sud-Italia che, assieme a pochi altri, tiene vivo il ‘ramo’ sempre più sottile del metal suonato nelle sue molteplici forme nella profonda punta dello Stivale. Rimaniamo in attesa del prossimo lavoro!

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani