< PRECEDENTE <
album Pink Pigeon - Howbeatswhy

recensione Howbeatswhy Pink Pigeon

New Sonic Records 2013 - Indie, Pop rock

RECENSIONE
17/02/2014

Un piccione rosa non ha niente di romantico, anzi. Probabilmente è anche un po’ goffo, come solo i piccioni sanno essere, e pure un po’ tonto. Ma è rosa, perciò avrà qualche dote in più rispetto ai suoi simili, no? Io questo non lo so, ma ciò di cui sono sicura è che gli Howbeatswhy ce l’hanno, quel qualcosa in più. Tecnica invidiabile, tante idee e un sound convincente.

“Piano, Pigeon” apre la strada ed è un dolce risveglio di un pianoforte che suona nella stanza in fondo al corridoio, mentre tu sei ancora a letto, indeciso se alzarti o meno. “Grew” ha un bel tiro, la batteria è decisa e spesso lascia giocare le chitarre elettriche fra loro, che si nascondono e scappano, si rincorrono e tornano allo scoperto; il cantato è pacato, con cori che lo seguono come fossero una scia evanescente. Peccato che venga naturale aspettare che il brano esploda ad un certo punto, invece non scavalla mai quel momento cruciale in cui ti aspetti che succeda di tutto. In “Civil” si fanno forti i continui rallentamenti, cambi ritmici che ti attendono ad ogni angolo, momenti di respiro alternati a corse forsennate, brevi ma intense; “To Think; To Suppose” traccia atmosfere ammicanti, rilassate, a tratti trascinate, ricordando i Belle And Sebastian e la loro dolce pacatezza. “Molly The Agent” ci catapulta in scene fatte di sotterfugi e personaggi che scivolano via, nascondendosi a ritmo delle corde pizzicate velocemente e il brano ha i fiati dalla sua che lo impreziosiscono notevolmente; non mancano episodi più intimisti, dove ci si fruga dentro per trovare delle risposte, come in “My Moon”, dove sembra di sentir cantare Damon Albarn in una delle sue ballad che ti spaccano il cuore, o in “Object Permanence”, mentre sto galleggiando su delle nuvole bianchissime, corde di chitarra suonate teneramente ed io che volo su in alto per poi cadere a picco come un palloncino improvvisamente sgonfiato e così via, all’infinito. Degna di nota la chiusura “So Long”, dove fiati, chitarre, batteria e tutto quello che abbiamo incontrato fino ad ora si fonde insieme, mentre il piccione rosa sta per prendere il volo, è giunta l’ora che torni a casa.

I suoni di questo “Pink Pigeon” si rincorrono, si trovano, si scontrano, si abbracciano stretti per poi lasciarsi e riniziare di nuovo la loro corsa; la parola d'ordine è qui sperimentare, niente rimane com’è, tutto è in continuo cambiamento, di base una matrice progressive che trova spazio in quasi tutti i brani del lotto, senza dimenticare echi lontani di brit pop e pop rock. Un bell’inizio, una bella prova da tenere sott’occhio, questo piccione rosa ha sicuramente quel qualcosa in più di cui parlavamo. 

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti