13/02/2014

Musica fatta per comunicare i propri messaggi, senza fronzoli: con un approccio estremamente pragmatico, We Stand For Willy raggiunge la prima prova studio ad un anno dalla data ufficiale di nascita. Il risultato è "Rough South", un EP dove confluiscono tutte le influenze orientate verso l'hardcore-punk ed il metal che la band coltiva. E nei 7 pezzi si picchia dal primo all'ultimo secondo: il cantato che si alterna fra vocalizzi puliti ed in growl è convincente, accompagnato dal basso di Leo Giso (autore di un'ottima performance piena di groove) e dalle chitarre sature di Pascal Lemos. Le note dolenti si nascondono dietro i tamburi: alla batteria di Ivan Oliviero manca un pizzico di originalità ed i pattern ritmici sembrano (provare per credere) sovrapporsi durante i 24 minuti del disco. Episodio positivo il giro di boa rappresentato da “10th of July”, dove l'headbanging parte quasi spontaneo nonostante l'ascolto in cuffia e la produzione non eccelsa. Per il resto, un disco che potrebbe far storcere il naso a chi il genere lo mastica a pranzo e cena, ma nulla di mediocre per timpani novizi: la sufficienza naviga a vista.

---
La recensione W.S.4W (We Stand 4 Willy) - Recensione - Rough South Ep di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati