< PRECEDENTE <
album Traditori di tutti - Calibro 35In evidenza

recensione Calibro 35 Traditori di tutti

Record Kicks / Audioglobe 2013 - Strumentale, Psichedelico, Funk

RECENSIONE
23/12/2013

Mi piacerebbe cominciare questa recensione ricollegandomi ad un discorso iniziato riguardo a "Said", la colonna sonora del free movie dei Drop Brothers pubblicata dai Calibro 35 qualche mese fa: quella che mi era sembrata una partita di sacrificio, tutta cuore e calci, in cui anche i fantasisti si mettono al servizio della squadra per difendere il risultato.

Qui le cose cambiano, e i Calibro tornano a dettare il gioco secondo le loro regole, con il supporto di un direttore atletico come Tommaso Colliva e una dirigenza come la Record Kicks (che per quanto riguarda il funk è un'istituzione, non solo in campo italiano) che punta in alto anche per il palcoscenico internazionale.

Pronti via, ed è 1-0 al quinto minuto: perché, dopo un po' di melina col "Prologue" iniziale, si passa all'attacco con "Giulia mon amour": ritmo altissimo sin dalle prime battute, asse ritmico che ubriaca il difensore e scodella un cross perfetto, e il riff di chitarra entra con rovesciata in tuffo. Un gol da cineteca, per quanto mi riguarda forse il brano più bello che abbiano mai scritto.

Neanche il tempo di rifiatare e arriva subito il raddoppio con il mostruoso funk-rock belalugosiano di "Stainless steel", un suono che riesce ancora una volta a sbalordire per dinamicità e soprattutto pienezza, sia sulle frequenze basse sia sulle alte, su cui la sezione fiati Raineri-Bucci-Gabrielli si inserisce alla perfezione giocando a memoria con il resto della band, fino all'arrembante chiusura a portiere battuto.

Ma tutti i 90 minuti sono un susseguirsi di giochi di prestigio, in stile Premier League piuttosto che Liga spagnola: nel senso che i Calibro sono sì sempre all'attacco, ma mai leziosi, anche quando sfiorano l'hammond jazz del guru Jimmy Smith (l'accoppiata "Mescaline 6" - "The butcher's bride") o rispolverano i tanto amati schemi dei loro primi ispiratori, l'Isaac Hayes di "Shaft" (con quel gioiellino di italianxploitation che è "Vendetta") e quel Franco Micalizzi ("Traitors") che sta alle colonne sonore come Nereo Rocco sta al pallone moderno.

Insomma, il gioco è così fluido e le occasioni talmente tante che dagli spalti si perde il conto delle reti segnate, fino al fischio finale di questo "Traditori di tutti". Se la partita perfetta esiste, i Calibro 35 l'hanno giocata, con quello che a parere di chi scrive è il loro miglior disco in assoluto. Da Rockit Tutta Roba Italiana è tutto, a voi la linea.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (2)
Carica commenti più vecchi
  • DistortedGhost 23/12/2013 ore 08:39

    una volta si chiamava " musica da cinescopio" un misto di Beat all'AMATRICIANA stile "telefiflm americani" e filmacci polizieschi italiani tipo : "La Polizia Incrimina La Legge Assolve"..... insomma una accozzaglia di ingredienti indigesti e insipidi in chiave REVIVAL che naturalmente riscuotono un notevole successo perche' si sa...... in Italia per riciclare quanto di peggio del passato siamo bravissimi, specie del periodo oscuro e da dimenticare dei maledetti anni 70'.......

    > rispondi a @DistortedGhost
  • Marco Biasio 23/12/2013 ore 13:01

    Il miglior disco dei Calibro 35. Peccato solo non abbiate citato quelli che per me sono i due pezzi migliori del disco: One Hundred Guests (che ha una costruzione armonica mirabile) e il gioiellino-library Two Pills In The Pocket. Sbagliassero un colpo questi...

    > rispondi a @bisius
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani