< PRECEDENTE <
album demo - Kulatta Daskuatta

recensione Kulatta Daskuatta demo

2002 - Ska

RECENSIONE
04/03/2003 di Dario 'Gorgo' Lambarelli

Quattro brani per i Kulatta Dascuatta di chiara ispirazione Persiana Jones, Vallanzaska e Woodoo Glow Skulls. Fin dalla prima traccia (“Cravatte inamidate”), infatti, vengono fuori gli arrangiamenti un po’ più core, con tempi che rimbalzano tra il levare pulito e il distorto. Un pezzo in cui i cambi di tempo alle volte non sono ‘perfettissimi, e la tromba da sola alle volte non convince in pieno, ma che nonostante tutto riesce a filare via liscio.

Orecchiabilissima e armoniosa, con una linea vocale perfetta e arrangiamenti di fiati azzeccati è “Illusioni”, una canzone che colpisce e rimane in testa - ed a mio avviso la migliore dell’opera. “L’unica cosa che resta”, in cui il riff di fiati solca la scia della loro “Masakela” e strizza l’occhio (come arrangiamenti, soprattutto nel ponte) ai Vallanzaska come ai Persiana Jones, siccome anche qui i fiati sono molto potenti e danno forza e spessore ad una ritmica ben strutturata.

Vista la buona riuscita del demo, spero di vedere presto un prodotto professionale del gruppo, e nel frattempo non sarebbe male poterli giudicare anche dal vivo… sperando che i Kulatta Dascuatta non deludano le aspettative.

Per il momento: bravi!

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >