05/03/2014

Nati da pochi mesi e con una manciata di live all'attivo, i veneti Centoscimmie aprono il 2014 con in mano il loro primo disco. Quattro tracce capaci di spiegare bene la qualità del gruppo: la title-track si lascia ascoltare ed è un ottimo biglietto da visita per la ritmica basso-batteria di Massimiliano Bilato e Mirko Visentini. Trascinante e potente, il loro sound naviga fra chitarre acide stoner rock e malinconiche melodie figlie del post-grunge. La voce di Andrea Coppo fa un buon lavoro: la poetica dei testi trasuda ricercatezza e l'interpretazione è più che convincente risultando (a tratti) carismatica al punto di trascinare l'ascoltatore (più che azzeccato il ritornello di “Un gioco nuovo”). I venti minuti in compagnia dei cinque padovani si concludono con “Fiele”, brano dall'incedere robusto ma, tutto sommato, basato su stilemi già ampiamente sentiti.

Il giudizio, in definitiva, è positivo ma attendiamo un full lenght che sappia valorizzare tutte le possibili sperimentazioni qui appena accennate. Vedremo che ci propongono.

---
La recensione centoscimmie - Recensione - Cento Scimmie di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 19/07/2019

Tracklist

Commenti (1)

  • maxavo 05/03/2014 ore 11:29 @maxavo

    un rock che si rifa molto all'estetica dei tool, anche nel modo di cantare che ricorda maynard.E' presto per dare giudizi, ma un buon punto di partenza.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati