Fadà Dancer 2013 - Alternativo

Dancer precedente precedente

Ritmi monotoni che si ripetono, nessun elemento che svetti o colpisca davvero. Tutto da rifare.

Ascoltando Fadà mi trovo da subito perplessa per svariati motivi: oltre al problema vocale (sembra che l'artista voglia ostentare una voce non naturale, trascinata ed annoiata) mi trovo di fronte a brani che stancano subito, ripetitivi, soluzioni buttate lì a casaccio che non riesci a spiegarti il perchè. L’artwork della copertina poi è terribile, quindi si parte già prevenuti, ma se poi ci sommiamo anche il fatto che niente sembra avere un senso, il problema si fa serio.

Il blues wanna-be della opener “Ammore” è un tre minuti circa di ritmiche piatte, intervallate brevemente da un assolo di chitarra che, se usato più sapientemente, avrebbe potuto alzare un minimo l’asticella. Se, appunto. La batteria iniziale di “Dancer” per un attimo prometteva bene, ma mi è andata male di nuovo; il sound è, anche qui, monotono, senza nessuno sbalzo o picco di energia. “El Caballero De La Noche” niente di nuovo, si continua a viaggiare sulla linea della monotonia e nemmeno i ritmi spagnoleggianti di “Golem”, arricchiti qua e là dagli archi e con quel pianoforte saltellante, riescono a svoltare la situazione, così come per le atmosfere latine e la marimba appena accennata di “Mustafà”. Si tenta anche di rappare (per così dire) liriche come “con i beat sono un freak sento il click del tuo mouse” in “Anonymous” e, a questo punto, credo di non farcela davvero più; il tutto si chiude con il reprise della opener, “Ammore (Carillon Version”) che è la solita zuppa dell'originale, ma al suono di carillon.

In "Dancer" ci sono troppe cose che vanno riprese e limate, stravolte e migliorate. C’è bisogno di ripartire da capo e capire cosa è salvabile di questo lavoro e cosa invece è da cestinare completamente. Per adesso non trovo niente che svetti o che mi colpisca in positivo, per me questo disco è rimandato.

---
La recensione Dancer di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-03-26 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • AliceT 7 anni Rispondi

    Dove sta scritto che i brani vadano esplicati e citati tutti? C'è un manuale?
    La prossima volta assegneremo il tuo disco a un critico componente, chissà che gli piaccia il tuo disco, non si sa mai ;-)

  • fadamusik 7 anni Rispondi

    Non contesto la stroncatura, contesto la sciatteria della recensione. Mancano 2 brani, i riferimenti sono accostati in maniera superficiale, per esempio 'Ammore' è piuttosto un art rock che ricorda nella struttura armonica semmai il rock and roll di Louie Louie e che di blues ha ben poco, mentre 'Mustafà' non ha niente di latino nella struttura ritmica, semmai Golem è riconducibile vagamente ad un ritmo di Rumba, questo sì ritmo latino, che però ahimè tu mi spacci per spagnoleggiante, infine la lirica di Anonymous che citi è sbagliata, se avessi riflettuto su quello che scrivevi ti saresti chiesta un hacker che potrà mai farci con i 'beat', semmai con i 'bit'. Ripeto non contesto che la mia musica non ti piaccia, libera di esprimere tutto quello che vuoi, ma che la critica sia fatta in maniera analitica e con competenza minima, che è purtroppo quella che è mancata in questa recensione. Sarà per la prossima ma per ora questa recensione è rimandata. Fadà