25/07/2014

Arrangiamenti curati e sound impeccabile per la seconda uscita dei piemontesi Arizona dogs. Un buon esempio di cosa propone la band potrebbe essere "Veleno": una ballata d'amore che si apre con un riff di chitarra elettrica dal leggero gain e altrettanto riverbero. Sui ritornelli aumentano intensità e volume. Non manca nemmeno l'assolo di chitarra che incornicia le ritmiche quadrate di basso e batteria. In definitiva: un riassunto del pop rock italiano contemporaneo. "Mele marcie" conferma l'attitudine verso band come Modà e Negramaro, giusto leggermente più aggressivi e tirati, e lo stacco sincopato dell'intermezzo conferma come i quattro investano una cura notevole nei suoni e negli arrangiamenti.

Il disco continua alternando momenti più ritmati ad altri più calmi: si susseguono così "Senza pelle", una languida ballata che evidenzia la voce del frontman dal registro acuto e dal timbro chiaro, poi, "Wild surfer" e il volume si alza ancora, oppure "I destroy your cadillac", praticamente i Placebo più rock. L'atmosfera di "Scivola", trip hop dalle derive distorte, ci dice che la band ci sa fare anche con la sperimentazione ed è proprio lì che dovrebbe indagare. Magari snellendo un pò i testi, ricercando la semplicità e una maturità vocale che, per quanto preparata, non è ancora così personale, critica più che applicabile anche alla musica.

La cura dei dettagli, a partire dal sound fino alla più piccola idea di arrangiamento, resta il punto di forza del disco. C'è ancora da limare, ma la strada potrebbe essere breve. Vedremo.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati