Sorriso Tigre Sorriso tigre 2014 - Pop, Elettronica

Disco in evidenzaSorriso tigre precedente precedente

Foreste tropicali e beat imperlati di sudore: i Sorriso Tigre vogliono farci ballare.

Se si seguono i passi delle suggestioni musicali legate alle foreste, alle bestie feroci e alle piante tropicali, raramente ci si trova su sentieri già troppo battuti. Nel caso dei Sorriso Tigre questo percorso porta direttamente all'electro, che trasforma i tamburi delle tribù più incontaminate in luci colorate che stordiscono sul dancefloor. È un ottimo debutto, questo del trio piemontese: basso, batteria, synth e campionatori che spettinano i capelli, vanno a toccare i nostri istinti più primordiali e trasformano il corpo in un palmizio che dondola a tempo sotto una pioggia finissima.
II cantato in italiano aiuta a compiere la mutazione: la voce e i campionamenti delle otto tracce scorrono impassibili come un fiume sotto i beat, e si parla di deserto, di natura selvaggia, del lasciarsi andare, del non avere fretta e dell'arrivare per la prima volta in città lontane e sconosciute (cosa c'è di più bello?). Il tutto accompagnato dai synth che sorreggono come un bastone, un funk mimetizzato, bassi ben torniti e un tocco di psichedelia che colloca i Sorriso Tigre sulle sponde di Animal Collective e Cosmo (che ha prodotto il disco, e la cui mano si sente anche troppo).
Non mancano alcuni pezzi meno ispirati ("Tessere" e "Saluti dal deserto" si perdono un po' tra melodie incerte e testi da rivedere) e tratti ancora acerbi, ma possiamo tranquillamente inserire questo self titled nella lista dei dischi da ballare al più presto. 

---
La recensione Sorriso tigre di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-04-10 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • AliceT 7 anni Rispondi

    Bello, mi piace molto! E' vero, si sente un sacco Cosmo