Egokid The egotrip of the egokid 2003 - Lo-Fi, Rock, Pop

Primascelta!The egotrip of the egokid precedente precedente

Che un gruppo provenga da Milano ultimamente è diventata una credenziale negativa, nomi storici a parte. Ma gli Egokid costituiscono una più che felice eccezione a simile disgraziata regola. “The egotrip of the Egokid”, ottimo cd appena dato alle stampe da Snowdonia, inserisce il quintetto meneghino nel filone psichedelico recentemente riportato alla patria ribalta da quei geniacci dei Jennifer Gentle. Non somigliando per nulla ai padovani e al loro raggiante incubo da ‘Summer of love’ del 1967, gli Egokid danno della psichedelia una versione più spensierata, gioiosa e cantabile, riuscendo a non rinunciare mai alla ricerca sonora. Confezionano così un piccolo bijou sonoro la cui unica pecca, viste le potenzialità anche commerciali di alcuni brani, sta proprio nella scelta dell’inglese per i testi. Il cd è un caleidoscopio (giochino quanto mai psichedelico, of course…) sonoro che mischia festosamente le più disparate influenze, usate come autentici materiali da costruzione nell’edificazione di una propria originale personalità. Così, se il brano d’apertura “Hetro retro homo superior” gioca nel titolo con il fantasma del ritornello di “Oh you, pretty things” di David Bowie (“Gotta make way for the homo superior”), il viaggio caleidoscopico negli ultimi 40 anni di musica pop rivissuti psichedelicamente prosegue guidato dalle voci di Piergiorgio Pardo (che rimanda nel timbro e nello stile a Jarvis Cocker) e di Diego Palazzo (che fa riecheggiare Robert Smith). Frullano, come ali di rondini nel cielo di primavera, accenti lounge (“Belagente”), qualche schitarrata alla maniera quasi delle Hole e di tutto un certo indie rock statunitense dei 90 subito s/travolta dalla psichedelia (“Burdizzo bloodless castrator”), rilassate bossanova psycho-futuriste, che sembrano quasi l’attuazione delle dichiarazioni d’intenti (e nulla più) dei fiorentini S.h.a.d.o. (“Any 1000 creatures”), attacchi vocali quasi rockabilly e distensioni strumentali che ricordano il sound dei primi due album dei Roxy Music (“Kamomilla-w”), atmosfere che potrebbero essere di Bjork e che diventano alla Radiohead (“Grey”). E poi, sparse qua e là, schegge di Loop, My BloodyValentine, Spacemen 3, Spiritualized, Spectrum.

Gran bel disco, in definitiva, che cresce ascolto dopo ascolto, e mostra una band con una personalità già formata costruita postmodernamente su materiali altri. “Burdizzo bloodless castrator”, dalla bellissima linea melodica, potrebbe essere un gran singolone per le radio. Se non fosse in inglese. Perché tanto accanimento autocastratorio?

---
La recensione The egotrip of the egokid di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2003-06-26 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia