10/12/2014

Electropop dalla forma impeccabile, di facile presa e decisamente easy nelle soluzioni: dieci potenziali hit per ballare con leggerezza, dieci mosse sintetiche per chiudere la partita e portare il risultato a casa. “Daydream”, album d’esordio per i The C.I.P (ovvero Michele Scheveger e Simone Cavalli), è un viaggio tra le atmosfere synth degli anni ottanta, tra i dancefloor e i giri in auto senza meta ma con la gioventù in tasca, ben confezionato e lucido negli intenti: canzoni che funzionano al primo ascolto, e cosa vuoi di più, dal pop.

Da “We’ll Set the World on Fire” col suo irresistibile ritornello fischiettato, a “We’ll Never Be the Same” che parte minimale e malinconica per aprirsi poi alla primavera, alla new wave di “25 25” che è il mio brano preferito, fino a “Strangers”, chiusura eterea e riverberata: lieve ma col suo peso, dal sorriso ammiccante tra qualche broncio seducente, questo è un disco ben fatto, destinato a un pubblico trasversale per il suo mix di fresca immediatezza e rimandi al passato, di dance e scivolamenti elettronici, di semplice e complesso nella giusta misura. Un’ottima partenza.

---
La recensione The C.I.P - Recensione - Daydream di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati