< PRECEDENTE <
album Few lazy words - BartokPrimascelta

recensione Bartok Few lazy words

Santeria / Ghost Records / Audioglobe 2003 - Lo-Fi, Noise, Indie, Dark, Blues

RECENSIONE
11/07/2003

Inizia come se fosse un disco dei Dirty Three questa seconda opera dei varesini Bartòk, con "In cold blood", strumentale arricchito dal violoncello di Michele Guerriero che disegna trame sonore stranamente solari. Ma è in realtà solo un'illusione, perché bastano poi i primi secondi di "Devil's hands" (e, all'occorrenza, anche il titolo) per fugare ogni dubbio sulla strada che questa band ha deciso di (continuare a) percorrere. Da qui in avanti, infatti, si susseguiranno atmosfere a dir poco oscure, e ogni singola traccia provvederà a presentare sfumature diverse; il che potrebbe sembrare un paradosso quando si ha a che fare con l'assenza di colori, ma la tavolozza da cui attinge il quintetto ci sembra quantomai ricca. Non inganni quindi la scelta, consapevole o meno, di imbastire 10 brani basandosi solo sul nero, perché proprio questo 'colore' può ritenersi affascinante se usato con classe e maestria.

Due doti, queste, che i cinque avevano già evidenziato nell'esordio licenziato da GammaPop 2 anni orsono, anche se all'epoca non in maniera così evidente come succede invece adesso. Difatti gli arrangiamenti e il mixaggio stavolta funzionano a meraviglia, ma è soprattutto la scrittura ad aver guadagnato in maturità. I Nostri, infatti, realizzano brani di fattura assolutamente superiore, a dimostrare la capacità di sviluppare uno stile che, pur rifacendosi a modelli stranieri ampiamente riconosciuti, sa essere personale e distintivo.

Ne consegue che l'intero impianto sonoro ne trae giovamento, risultando alle orecchie dell'ascoltatore quantomai compatto e omogeneo, oltre che, va da sé, interessante. Non crediamo perciò ci sia molto da aggiungere, allineandoci così (in proporzione) al minutaggio dell'opera: poco più di mezz'ora in cui è perfettamente comprensibile quanto i Bartòk vogliano dirci. Non un secondo in più, non un secondo in meno.

Bello e bravi.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (2)
Carica commenti più vecchi
  • Oxygen 09/06/2011 ore 23:55

    Grandissimi!

    > rispondi a @oxygen
  • souvlaki 14/06/2011 ore 14:01

    Album superlativo!
    Non vedo l'ora di sentirli live.

    > rispondi a @souvlaki
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti