< PRECEDENTE <
album Allghoi Khorhoi - Codeina

Codeina

Allghoi Khorhoi

2014 - Rock, Post-Rock, Garage

RECENSIONE
22/12/2014

A quattro anni dal loro primo album i Codeina da Seregno pubblicano “Allghoi Khorhoi”. Sulla cover campeggia il mitologico vermone del deserto mongolo che dà il titolo all’album a far da metafora allo stile della band. Come la suddetta bestia criptozoologica si sposta lenta e inesorabile sotto le sabbie per poi sbucare all’improvviso minacciosa e mortifera, così i Codeina producono una musica ipnotica e tesa che procede inesorabile verso roboanti esplosioni sonore.

Un lavoro stilisticamente omogeneo, che mescola influenze stoner e post-hardcore bagnate nell’acido. Tra i riferimenti musicali nostrani spiccano senz’altro i Verdena di “Requiem” ed i primi Teatro degli orrori. Il trio si muove sicuro nelle innumerevoli variazioni ritmiche segnate dal basso distorto e da un’incessante lavoro dietro le pelli. La ritimica si spezza, accelera, aggredisce e poi rallenta. Su questi si innesta una sei corde nervosa e aggressiva che macina riff e feedback completando un panorama rabbioso e claustrofobico.

La traccia numero sei, “Cascando”, scarica la tensione con una dolce melodia, preludio all’assalto della successiva “L’appeso”. “Crepa” va dritta al sodo, nichilista e senza speranze, grazie ad un ritornello che si incolla subito all’ascoltatore. In “Medea” c’è spazio anche per tastiere dal gusto sixties. In chiusura la strumentale hard-psych “Langley & Homer Collyer” dove la vena claustrofobica sottotraccia per tutto l’album ha il suo climax.

Un album ben scritto e ben suonato dal quale trapela una forte dose di disagio che solo la musica e riesce a sublimare.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >