Sonido Envolvente Superchulo EP 2014 - Stoner, Rock

Superchulo EP precedente precedente

Ep piatto e ripetitivo, un buco nell'acqua sotto molti punti di vista

EP caratterizzato da tantissima forma e poca sostanza, "Superchulo" dei Sonido Evolvente si arrampica sui territori dello stoner, ispirandosi al nome tutelare del genere, i Queens of the Stone Age. Sfiorano il plagio in "British", mentre da un brano dal titolo "Cosapoderosa" ti aspetteresti un gran casino, invece ne viene fuori una canzoncina sottotono, basata su un ritornello facile facile e due riff riconducibili ad altre 100 canzoni dello stesso genere. Stesso discorso per "Paraculbomba".
Quando non pensi ai QOTSA, rivolgi invece la mente al grunge degli anni '90, per la scelta dei timbri solidi ma fin troppo ripetitivi: va bene che trattasi di un duo (basso e batteria) ma la gamma di suoni è potenzialmente molto più ampia di così, e sarebbe bene guardarsi intorno per differenziare un po', altrimenti all'ascolto risulta difficile distinguere i brani tra loro. La voce non sempre è precisa (senti quando tiene le note lunghe in "Bramaputra" - sì, senz'acca) e la registrazione taglia frequenze indiscriminatamente, restituendo una sensazione di soffocamento, peggiorata dalla quasi totale assenza di dinamiche. Sarà per la prossima volta.

---
La recensione Superchulo EP di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-09-10 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO