Dirty Harry Dirty Harry EP 2014 - Rock, Funk, Blues

Dirty Harry EP precedente precedente

Giovanissima band dell'entroterra perugino, che mostra tanti limiti delle formazioni alle prime armi

Giovanissima band dell'entroterra perugino, si presenta con questo ep che miscela rock alternativo e punk con una spruzzata di funk. I limiti sono quelli di tante formazioni alle prime armi: scrittura ancora acerba e con varie ingenuità ("per noi comporre è / la sola via / che ci allontana dall'apatia"), suoni poco curati (batteria in primis), tecnica rivedibile.

Soprattutto del cantante, che dispensa stonature praticamente in ogni pezzo: ha dalla sua però un bel timbro, una notevole personalità vocale, soprattutto per l'età, il che fa pensare che con qualche lezione possa trasformarsi in futuro in un signor frontman.

A conti fatti, l'impressione è che i Dirty Harry si siano fatti prendere dalla foga e abbiano fatto uscire troppo presto questo primo lavoro: c'è ancora parecchio da lavorare in sala prove, e soprattutto da prendere qualche decisione in più. Non ultima quella sul moniker: bastava una piccola ricerca su Google per scoprire che Dirty Harry è già il nome di una storica formazione hardcore punk brianzola, nata nel 1998 (e ancora viva e vegeta).

---
La recensione Dirty Harry EP di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-10-24 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • fj4egiova94 7 anni Rispondi

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!