Riaffiora demo 2002 - Rock, Pop

precedente precedente

I Riaffiora da Cittadella (Padova) vantano un curriculum di tutto rispetto (stando a quanto dicono nelle note biografiche): vari concorsi con buoni risultati, duro lavoro in sala prove, un passato da studenti di accademie musicali. Benissimo. Tra le loro influenze citano U2, Verdena e Radiohead: un'auto-analisi assolutamente ineccepibile! Quello che non quadra è il loro affermare di voler cercare una propria interpretazione del rock; non metto certo in dubbio il volenteroso impegno, ma il risultato sperato è ancora lungi dall’essere raggiunto.

In tutte le tracce di questo demo, infatti, si avverte infatti nettamente l’ingombrante aleggiare dei Radiohead di “The bends” e quello degli acerbi Verdena degli esordi. Ma la presenza più opprimente per il sound del gruppo veneto è quella degli U2: il chitarrista sembra aver preso in prestito l’intera gamma di effetti da The Edge, mentre il cantante tenta di imitare spudoratamente Bono. Inevitabilmente, queste canzoni sono prive di un’anima e di personalità; certo sono ben suonate e presentano una discreta struttura a livello di composizione, ma troppo spesso stentano a decollare. E soprattutto hanno il difetto di suonare terribilmente come un qualcosa di già sentito, senza neppure un guizzo che le faccia ricordare.

Pare proprio che la strada che i Riaffiora stanno cercando sia in realtà altrove. Probabilmente è una strada impervia e comunque difficoltosa da scoprire. Però, cari ragazzi, in questa ricerca abbiate il coraggio di osare, almeno un po’.

---
La recensione demo di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2003-07-28 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia