< PRECEDENTE <
album Asteroidi àliaIn evidenza

recensione àlia Asteroidi

Neverlab Dischi 2014 - Cantautoriale, Pop

RECENSIONE
10/11/2014

Cosa distingue un disco pop fatto bene da un disco pop totalmente scontato? Oltre che la sperimentazione e la voglia di giocare con nuove sonorità, è la sapienza di riuscire a cogliere ciò che di buono è stato creato dai propri predecessori e fonti di ispirazione e fonderlo con la propria sperimentazione e identità.

Àlia è riuscito ad attingere il necessario da tutto ciò che costituisce il suo background musicale rimescolandolo sapientemente, osando e sperimentando nuove combinazioni e creando un interessante ibrido tra musica d’autore e pop che si lascia ascoltare tutto d’un fiato dalla prima all’ultima traccia. Possiamo definire “Asteroidi” un album maturo in cui si ripercorre tutto ciò che è stato fatto sperimentato nella musica pop italiana dagli anni ’80 fino agli inizi degli anni 2000.

Ogni traccia è una scoperta, un mondo a sé da esplorare in tutte le sue note e i suoi strumenti. “Cats” è un pezzo che smuove i ritmi dell’album e si rifà sfacciatamente al pop italiano di fine anni '90, con chiari richiami alle metriche e alla narrativa dei Tiromancino; introduce a melodie molto più coinvolgenti e orecchiabili rispetto all’apertura low e riflessiva di “Bouquet” che, come pezzo introduttivo, spegne le aspettative sull’intero album, ritrovando però la giusta dignità in chiusura nel suo reprise in vesta version.

“Goldie Hawn” è una bossa nova inaspettata, un caldo abbraccio di ritmiche sudamericane che coglie di sorpresa rispetto all’impostazione elettronica predominante nell’album, a differenza di “Case di ringhiera” e “Asteroidi” che sono un puro omaggio al pop dei Denovo e al Mario Venuti d’annata. “Verso il centro” riporta all’orecchio il Franco Battiato de “L’imboscata”, con le atmosfere oniriche e surreali di “Memoria di Giulia” o “Amata solitudine”. “La sicurezza degli oggetti” continua sulla stessa ispirazione e sonorità, e il co-writing di Giuliano Dottori è percepibile sin dalla prima nota.

Un album decisamente particolare che trova nella metafora astronomica assoluta verità: è una galassia piena di stelle, ammassi interstellari, gas e polveri che roteano attorno la forza gravitazionale del pop con la grazia e armonia del miglior cantautorato impegnato.

 

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani