The Fence 14 - The Fence Ep 2014 - Alternativo, Pop rock

14 - The Fence Ep precedente precedente

Breve disco dove si sente l’eco di esperienze internazionali già ascoltate, ben fatto e ben suonato. Ma ora bisogna andare oltre

Cinque brani eterogenei compongono il secondo lavoro dei The Fence: “All that matters to me” apre il disco e sembra un brano anni ottanta, ballabile e coinvolgente; “Don’t be sad” mette allegria solo leggendo il titolo e la musica rispecchia la stessa voglia di sorridere, da ascoltare nei giorni troppo grigi; “Shame” è una delle migliori, nel cantato ricorda i Muse, la musica disegna melodie varie e originali all’interno dello stesso brano, partendo lenta, salendo nella parte centrale, poi calando di nuovo, e alzandosi ancora sul ritornello; a chiudere tutto c’è “Run & hide” che ricorda i Queen (con le necessarie distanze) e in generale il rock più classico degli anni settanta/ottanta, un altro bel brano che sa farsi apprezzare.

Insomma è un disco che alla fine risulta piacevole e che fa tesoro delle esperienze incancellabili che lo ispirano, cerca di farle proprie e crea 20 minuti di ascolto e distrazione dal quotidiano. Per parlare di lavoro eccezionale però bisogna andare ancora più lontano e superare gli esempi di partenza, intanto ci dobbiamo accontentare di un ascolto piacevole e di un disco ben suonato.

---
La recensione 14 - The Fence Ep di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2014-12-10 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • federicofavaro 3 anni Rispondi

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!