27/10/2014

Cominciamo dal titolo. Ostro è il nome di un vento, che soffia dalle parti del Mediterraneo del sud. Quando decide di uscire dal torpore porta caldo e umidità, assieme a tanta pioggia. Gli uomini lo conoscono e lo rispettano da sempre, almeno da quando la loro razza ha deciso di dominare il mondo. Se vogliamo, il vento può essere definito alla stregua di un elemento tribale, assieme alle stelle e alla natura tutta. Fonte di rispetto anch’esse, sia pur pronte a essere sfidate per poterne carpire i misteri che le avvolgono.

Stonehenge, Palenque: i Lay Llamas sembrano arrivare da quelle parti, pare quasi di vederli evocare la terra madre con i loro suoni. I suoni di “Ostro”, condensato di musica tribale del secolo in corso, che viaggia tra gli astri, gli universi paralleli, attraversa il deserto e ascolta le voci della natura. Un album difficile da inquadrare, dall’elettronica calda, dalle movenze narcolettiche, drogato di psichedelia cosmica. L’Oriente è l’elemento essenziale (“Ancient people of the stars” ne è la dimostrazione), il kraut-rock la guida spirituale (dicono niente i Cosmic Jokers o gli Amon Düül?), la techno un richiamo impossibile da respingere, la new age un punto di passaggio obbligato. Tra i nove episodi del disco è facile riconoscere tastiere degne dei Pink Floyd degli esordi o il caos organizzato del proto Franco Battiato, ma i Lay Llamas ce la mettono tutta per sorprendere e non essere mai uguali a loro stessi. E se “Desert of lost souls” è meravigliosamente costruita attorno a un’unica nota di basso, “Voices call” possiede addirittura i crismi di una canzone quasi (quasi) pop.

“Ostro” non è un disco di  facile fruizione ma la sua oscura bellezza è fuori discussione. E forse non è un caso che sia stata l’etichetta inglese Rocket Recordings (già, la stessa dei Goat) ad accorgersi per prima delle potenzialità di Nicola Giunta e Gioele Valenti, ovvero l’anima dei Lay Llamas: forse certe sonorità sono ancora troppo distanti dalle nostre lande.

 

---
La recensione The Lay Llamas - Recensione - Ostro di Giuseppe Catani è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti (5)

Carica commenti più vecchi
  • amanda 28/10/2014 ore 14:10 @amanda

    Amon Düül Pink Floyd proto Franco Battiato ? in realta' e' vero, c'e' da quello che ho sentito su YT un tentativo mal riuscito e poco credibile di ricreare vecchie atmosfere psichedeliche e di avanguardia degli anni 70' ma con scarsi risultati, e' tutto un po artefatto e sterile.

  • marcokap 28/10/2014 ore 14:24 @marcokap

    vogliono dare una parvenza di "mistico-cosmico" da seguaci di Osho Rajneesh e "hippismi" vari, ma no c'e' sostanza oltre la noia.

  • DistortedGhost 28/10/2014 ore 17:08 @DistortedGhost

    ciclicamente ricompare la moda dell'esoterismo- mistico-occulto-oriental-mantrico -hippypsichedelico........ ( de noantri...)

  • RoyBatty 29/10/2014 ore 15:15 @RoyBatty

    non penso come afferma Catani che : "certe sonorità sono ancora troppo distanti dalle nostre lande." ma piuttosto che certe sonorita' sono troppo distanti da quello che e' stata l'evoluzione della "psichedelia" negli ultimi decenni, ed infatti i Goat come per certi versi gli Ostro risultano statici, poco interessanti, didascalici.

  • Giuseppe Catani 02/09/2015 ore 09:33 @giuseppecatani

    se anche i goat sono statici, i crass sono una band parrocchiale specializzata in messe beat

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati