18/03/2015

Un’ininterrotta, terrificante sequenza di loop per un lavoro che sa di ambient ma non rilassa mai i nervi, portatore di inquietudine elettronica e ritmiche oscure. I Loozoo, al secondo album seppur attivi da quasi vent’anni, prendono la parti più tese e dense della materia synth per rendere l’aria pesante, per dilatare le paure, per celebrare un’ossessione con brani dall’esteso minutaggio e riccamente conditi di suggestioni ipnotiche.

“Godrano” attinge a piene mani nel gothic modulando la voce a mo’ di indiavolata possessione, “Pecore e Storm” trasforma lentamente lo scampanio di un gregge in tappeto sonoro, “Reprise” accetta sfide industrial tirando fuori sperimentali spigolature: un disco di sintetiche cupezze e idiosincrasie elettriche, per nutrire ansie e stimolare timori in nome della technoavant-garde.

---
La recensione Loozoo - Recensione - Brighter di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 20/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati