album Disappear - Antiphone

Antiphone Disappear


2015 - Psichedelico, Post-Rock, Elettronico

14/04/2015

Duo che mescola strumenti e macchine per creare ambienti minimali di elettronica, per spingere alla deriva la mente ma con grande eleganza. “Useless” è una questione irrisolta tra toni di grigio, dove i tasti del piano sembrano parole e la chitarra e il basso spezzano frasi con le loro ragioni, discorsi seri, “Some Fish Species” s’abbandona un poco agli effetti per muovere passi, ma restano passi piccoli, notturni, lungo i muri. “Circles” lascia scoprire la voce di Massimo Giangrande, protagonista anche in “Hands in the Snow”, una voce che fa di leggerezza, sussurro ed enfasi i suoi cardini emozionali: gli ultimi due brani sono decisamente più ricchi, densi di sfumature diverse, l’uno che spinge sul versante melodico e l’altro sul sintetico.

“Disappear” è un buon lavoro anche se un po’ freddo e distaccato, ma credo sia proprio il suo carattere: come quelle persone che ti abbracciano con gli occhi, senza toccarti, ché non è nel loro stile. Come spingere alla deriva la mente, ma farlo con grande eleganza.

---
La recensione Antiphone - Recensione - Disappear di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Tracklist

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati