Yosonu Giùbox 2015 - Sperimentale, Alternativo, Electro

Giùbox precedente precedente

Musica contemporanea “a costo zero” fatta di suoni, corpo e parole. Colta, didattica, divertente e confezionata a regola d’arte.

Tale doveva essere il timore di procurarsi una tendinite, a furia di suonare la batteria nei più disparati contesti (dal death-metal al reggae), che il buon Peppe “Drumz” Costa ha pensato bene di mollare lo strumento più estenuante per antonomasia per dedicarsi devotamente alla musica contemporanea “a costo zero”, sperimentando percorsi sonori dove il conseguimento della magia armonica è semplicemente delegato a un’alchemica interazione tra voce, corpo e oggetti vari di uso comune (teiere, vasi, secchi, utensili ecc.).
Scherzi a parte, bandito qualsiasi strumento tradizionale dallo schema di gioco, quella dell’architetto calabrese è, dunque, una vera e propria forma di artigianato orchestrale che prende spunto dalla propedeutica musicale per bambini per poi perfezionarsi digitalmente su Ableton in fase di post-produzione. A suo modo una programmatica rottura delle convenzioni musicali – fatta in casa in perfetto stile DIY – che pone suono, corpo e parola sullo stesso piano fino a fonderli in un unico messaggio.

Forte degli insegnamenti – per quanto diversi tra loro – di Bobby McFerrin e Demetrio Stratos quanto affezionato ai rumorismi metropolitani degli Stomp, ai giochetti sintetici degli Art Of Noise e, soprattutto, alle sperimentazioni ambientali di John Cage, il buon Yosonu dispensa con mestiere un’esaustiva gamma di cromature sonore, spaziando dalla claustrofobia misurata di “The deep” alla tribalità surreale di “Reaction”, dalle spirali tarantolate di “Nta” al puzzle polifonico di “Slow fool”.
Un progetto colto, divertente, dotato d’innegabile valenza didattica e dal packaging graficamente accattivante. Cosa volete di più?

---
La recensione Giùbox di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-03-12 08:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • rurale 6 anni Rispondi

    Questo è un lavoro di avanguardia. Guarda lontano. Per orecchi attenti che colgono le minuzie del suono e non si allineano ad ascolti preconfezionati. Se nelle vostre giornate cercate qualcosa che possa regalarvi un che di stupore, allora vi conviene procurarvi questo disco. Un disco definitivo.