Endorfina Skizofrenia 2003 - Cantautoriale, Rock

precedente precedente

Non è brutto. Questo demo non lo è. Non è bello. Questo demo non lo è. Scorre al confine tra raffinata composizione cantautorale e languida inutilità, senza mai sbilanciarsi dall'una o dall'altra parte, rendendo terribilmente difficile parlarne senza uniformare le parole al tenore della musica.

Lucio Signore, nascosto dietro il nome Endorfina, dimostra di avere gusto, raffinata cultura popolare e barlumi di talento, ma troppo spesso soffoca le sue precarie doti creative all'interno di scelte artistiche sciape come acqua distillata e offuscate da un'esperienza musicale che annebbia la capacità di costruire musiche fresche e attuali.

La rilettura di certe sonorità tipicamente "italiane" caratterizza buona parte del lavoro, ma se talvolta questo diventa una gradevole rivisitazione di quelle Canzoni appartenute a Vasco Rossi, De Gregori e Battisti, troppo spesso i brani si trasformano in un elenco di confuse e banali citazioni che producono l'effetto di un fastidioso piano bar. Un'irritante alternanza tra piccoli lampi di ispirazione e vuoto totale, anche all'interno dello stesso brano.

L'impressione è che il materiale abbia personalità, ma sembra assolutamente necessario l'affiancamento di qualcuno in grado di sfoltire e rinnovare un'architettura sonora ingolfata e decisamente fuori tempo massimo.

---
La recensione Skizofrenia di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2003-11-04 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia