feat. Esserelà Tuorl 2015 - Strumentale, Progressive, Funk

Tuorl precedente precedente

Tra funk, jazz, rock e prog, una party band intelligente e colta, ma soprattutto divertente e potente.

Ché uno, con quel nome un po’ così, con quel titolo un po’ colà, con quella copertina che vuol esser simpatica, ma è solo francamente brutta, ai feat. Esserelà non darebbe un centesimo. Figurarsi un ascolto. Invece il trio bolognese, con al sola forza di chitarra, batteria e tastiere, spacca e non poco. Il disco, solo strumentale, ha energia e forza incredibili: tra base funk che sembra uscita da uno di quelle band leggendarie e sconosciute ai più dei primi anni '70 e aperture progressive che spaziano ora verso il jazz (con più di qualche strizzatina d’occhio ai Weather Report e a Keith Jarrett) ora verso il rock, senza mai risultare cerebrali, va a finire che uno neppure si accorge che mancano voce e cantati.

Un disco fuori dal tempo, perché caratteristico di un’epoca ormai passata e lontana, ma allo stesso tempo in possesso di potenza, freschezza e varietà invidiabili e inconsuete, “Tuorl” è un disco che consiglio a chiunque ami funk, jazz rock, progressive. La traccia finale, live, mostra una band capace di trasferire tutti i pregi delle tracce registrate in studio anche dal vivo. Una party band intelligente e colta, ma soprattutto divertente. Provatela. Non ve ne pentirete.

---
La recensione Tuorl di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-04-17 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • Teto666 6 anni Rispondi

    E non avete visto le tette del tastierista!

  • muscalorenzo 6 anni Rispondi

    Siete dei grandi infatti