< PRECEDENTE <
album Revoluce - Lilith And The SinnersaintsIn evidenza

recensione Lilith And The Sinnersaints Revoluce

Alpha South Records / Audioglobe 2015 - Cantautore, Rock, Blues

RECENSIONE
18/04/2015

"Revoluce", il nuovo disco di Lilith-Rita Oberti, già cantante di una delle band più importanti e originali del post-punk italiano, i Not Moving, definisce un avvicinamento al cantautorato iniziato cautamente già dall'inizio della carriera solista con i Sinnersaints (in cui milita anche Antonio "Tony Face" Bacciocchi, compagno di Rita nei Not Moving e nella vita): il trait d'union è stato probabilmente il blues, la cui influenza è evidente in tutti i dischi in questione e che passa (anche) dalle mani di Massimo Vercesi, chitarrista e coautore dei brani.

In questo album il blues è solo una delle componenti di un suono composito, che abbraccia desert rock e soprattutto folk - inteso come canzone popolare, anche dialettale - e persino tango, e fa il paio con una serie di testi (per la prima volta interamente in italiano) fortemente evocativi, che scelgono di parlare per immagini, in diversi casi molto suggestive ("Qualcuno nasce e muore / crede a mille verità / ma alla fine randagio confuso con i matti / sarà amico del rimpianto senza libertà", da "Vivimi"; "Quel che vedi lassù / non cadrà mai / E quel che cerchi tu / non lo troverai", da "Canto").

E il punk? Musicalmente sembra lontano. Poi però ascolti, riascolti il disco, senti la voce straziata di Lilith scandire "nero nero nero come il sangue dei ribelli / nero nero nero tra i vinti caduti e le troppe bugie" e capisci che non se n'è mai andato, non se ne andrà mai: che come per Giorgio Canali, per Cesare Basile, per Angela Baraldi non è e non è mai stato lo specchietto per le allodole di una cresta o di una chitarra distorta, ma è un fuoco sacro, totalizzante, che li invade. E anche se "il tempo è contro la furia delle idee", non fa smettere loro di inseguire sogni che non muoiono, e rivoluzioni che la generazione successiva ha lasciato un po' perdere. Incantata, probabilmente, dalle lusinghe della "peggiore delle libertà".

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani