< PRECEDENTE <
album Spirale Ep - Spirale

Spirale

Spirale Ep

2015 - Psichedelico, Metal, Grunge

RECENSIONE
10/06/2015

"Spirale Ep", esordio discografico dell’omonima band marchigiana, è un tuffo nelle torbide e oscure acque del doom metal, del drone, dello sludge. Ed il cantato, sebbene spesso in growl, incontra volentieri la scuola del grunge dei primissimi anni ’90.

Probabilmente tra i loro ascolti possono essere annoverati i Tool, i Sepultura (nel modo di cantare intravedo l’ombra di Max Cavalera), i Type O Negative o i Celtic Frost, ma di fatto le 6 tracce che danno corpo a questo disco hanno un’unità d’insieme e di visione ben chiara, hanno la piena consapevolezza dei propri mezzi. Missaggio eseguito con parametri non conformi, catalizza l’attenzione sui riff dall’andamento lento e catartico, adagiati su una linea ritmica a tratti pienamente doom (ridondante, pesante, ciclica) a tratti sincopata in modo da dare dinamismo e spessore, con stacchi ben posizionati tra loro. Se l’unità d’intenti fuga ogni dubbio sull’interpretazione musicale, per quanto concerne il cantato sorgono alcune difficoltà, non sul significato dei testi, ma nella comprensione sonora degli stessi. Quando parlavo di “parametri non conformi” riguardo al missaggio, mi riferivo anche a questo: si è scelto di premiare maggiormente il sound e la preparazione musicale dei singoli componenti a discapito di una voce che si vede ritagliata una finestra che, a mio avviso, meritava una cornice più ampia. "Dentro al Cerchio" è l’unica traccia poliedrica, presenta al suo interno una ballad, ed il suo cospicuo minutaggio permette un approfondimento attento e dettagliato in tutte le sue venature stilistiche, dando la possibilità a chi ascolta di farsi trascinare pienamente da un finale travolgente ed imprevedibile.

 

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >