Ardecore Vecchia Roma 2015 - Cantautoriale, Folk

Disco in evidenzaVecchia Roma precedente precedente

Come suonare grande musica in Italia senza far fuori la Storia, ma anzi facendola propria

Sette canzoni romanesche della tradizione, quasi tutte risalenti allo spazio-tempo tra le due guerre (a esclusione di "Vecchia Roma" del 1947): così ritornano gli Ardecore, arrivati al quarto album, a riallacciarsi al primo lavoro omonimo, uscito nel 2005 e a lungo irripetuto baluardo di come fosse ancora possibile suonare grande musica in Italia e registrarla senza far fuori la Storia, facendola invece propria, radicandola una seconda volta nella modernità.
Non esiste uno scarto evidente tra i due album, a parte quella leggera sensazione che l'ascoltatore ha ascoltando questo "Vecchia Roma", cioè quella di trovarsi di fronte a un epilogo, alla paradossale chiusura di un capitolo che il disco del 2005 aveva spalancato.

Gianpaolo Felici, Geoff Farina e gli Zu, nucleo originario che decise di dare vita all'ambizioso progetto, continuano a ripiantare nel presente il mondo perduto e un perduto lessico delle relazioni, dell'amore soprattutto, ma pure degli affetti familiari e, più in generale, del dolore.
Gli arrangiamenti di queste canzoni ricordano quelli dell'America degli anni '50 e '60, più specificamente quelli di un Elvis Presley ancora lontano dal suo tossico splendore, re dei 45 giri sì erotici ma pure, soprattutto, languidissimi. È infatti nelle serenate che gli Ardecore sembrano splendere e nuovamente sorprendere, sia "Serenatella amara" che la chiusa del disco con "Serenata sincera" riescono a definire ancora una volta e in modo assoluto l'enormità del lavoro che negli anni la band ha messo a punto. Ma soprattutto è con "Serenata a Maria" che tutto, nel disco, sembra mettersi a fuoco creando una stretta connessione tra tutti i dischi della band, a partire da "Chimera", del 2007, vincitore della Targa Tenco, come Migliore opera prima.

---
La recensione Vecchia Roma di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-04-08 09:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia