Sir Psycho demo 2003 - Crossover, Alternativo, Post-Rock

precedente precedente

Nel comune di Capua c’è un gruppo che si fa chiamare Sir Psycho: sono in cinque e si definiscono un gruppo alternative-rock. Non so se il loro cd sia da inserire ad occhi chiusi in questo genere musicale, ma quello che so è che il cd di questo quintetto è una piccola perla musicale nel mare impetuoso e profondo delle nuove produzioni dell’underground italiano e delle auto (o semiauto)-produzioni.

La norma vuole che difficilmente ci si possa trovare del tutto entusiasti nei confronti di un lavoro che tutto sommato resta un demo, ben fatto, ma pur sempre un demo. Questa volta, invece, il giudizio è spassionatamente positivo. Il demo cd contiene quattro-tracce-quattro, diverse tra loro ma accomunate da un’ottima base rock; ci sono i rigurgiti di un qualche suono grunge, sbavato ma con eleganza, incazzato ma piacevolmente complicato. I suoni ricordano in molti punti lo stile dei Pearl Jam, ma anche Marlene Kuntz del periodo mediano con le raffinatezze d’oltralpe firmate Ulan Bator - senza far mancare una punta di R.E.M. (vedi “Magic”).

Il lavoro comincia comunque con “Gone”, perfetta pseudo-ballata con una chitarra che accompagna l’ascoltatore quasi fosse una sorta di Virgilio musicale dall’inizio alla fine del pezzo. Sicuramente il giudizio sulla complessità del cd non può non essere influenzato dalla seconda traccia, “In my dream”, perfetta, raffinatissima, che nello stile - se non nella sostanza - ricorda quella “Silent lucidity” firmata dai Queensryche qualche annetto fa. Condita da una voce sognante e quasi psichedelica nell’effetto, così come i riff di chitarra che arrivano nel momento giusto a trascinare l’ascolto. “Istinct”, la terza traccia, viaggia sul sottile confine tra il rock e il funky: un ritmo trascinante e coinvolgente che ha il compito di traghettare l’ascoltatore alla fine del viaggio che si chiude con “Magic”, nuova raffinatezza degna delle altre tre.

I Syr Psycho sono decisamente da ascoltare, riascoltare e da tenere d’occhio.

---
La recensione demo di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2003-12-17 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia