Bob Dolce e chiara è la notte e senza vento 2003 - Cantautoriale, Indie, Elettronica

Primascelta!Dolce e chiara è la notte e senza vento precedente precedente

Bob era - e continua ad essere - il chitarrista di Fatur. Lui dice "il chitarrista *dei* Fatur". Qualcun altro ha partorito invece, preciso indiscutibile folgorante, l'appellativo "il cantante di Fatur". Splendido.

"Dolce e chiara è la notte e senza vento" è il quinto disco prodotto da Olga. In sei (sei) anni. A fronte del clamoroso intervallo medio di tempo tra le varie uscite, una qualità complessiva - va ribadito - impressionante.

"Dolce e chiara è la notte e senza vento" è un album bellissimo.

A prescindere dalle classificazioni di genere (qui potrebbe andare un insapore "cantautorato elettronico/dance"...), a prescidere da un'analisi accurata delle biopsie delle singole tracce.

Pieno di parole, di ideee, distribuite generosamente nei testi di F. Ricci e cantate/raccontate dalla voce a volte poco convenzionale di Bob, sul sempre più solido e sfaccettato lavoro sonoro di Era e soci.

Adorabilmente interessante in ogni suo episodio, senza alcuna eccezione.

Un pezzo da ricordare dietro l'altro.

Esempio plateale è l'atipico episodio chitarristico "Ghepardo", che, assolutamente non esente da imperfezioni, incanta. Il ritornello ("potrei parlare/ di un amore/ ebbro e veloce che/ si frantuma/ sulle tracce del ghepardo") e qualche altro verso da incorniciare. Ma non è *solo* questo. E' semplicemente una canzone irresistibile. Come la doppia 'leopardiana' title-track ("a te, a te, che splendi come un endecasillabo"), l'incalzante incipit parlato di "Voci", il finale perentorio della conclusiva "Paesaggi", l'urlo di "Vivo". O qualsiasi altro brano.

Insidiosamente intenso.

Coscienziosamente irrispettoso.

Inebriante.

Forte.

Intenso, *pieno*, vivo.

E - caratteristica estremamente rara e di conseguenza più che preziosa - capace di farsi volere bene anche per i 'difetti', che in quest'ottica ovviamente smettono subito di essere classificati come tali.

Davvero difficile da raccontare.

Nei suoi improvvisi scarti di registro, a volte esplosivi a volte deliziosamente forzosi, nella sua trasversale 'parentela' con i lavori del già citato Artista del Popolo, nelle nitide peculiarità che inabilitano la (già scarsa) tendenza a fornire coordinate di riferimento, nella complessità organica ed eterogenea dei testi, pronti ad inchiodarsi in testa. O sottocute.

Incredibile nell'assorbire ascolti su ascolti senza cedimenti.

La recensione non funziona.

Non può funzionare, strutturalmente.

Un disco bellissimo.

Fidatevi, cazzo.

"la lentezza è la religione di un bisogno
profondo ed esplosivo e di colore viola."

---
La recensione Dolce e chiara è la notte e senza vento di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-01-06 00:00:00


Notice: Undefined index: en_tipo in /data/www/rockit/htdocs/w/assets/comments.php on line 9

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia