< PRECEDENTE <
RECENSIONE
18/06/2015

Quando fai una foto, se pretendi di far entrare troppa roba nell'inquadratura, potresti perdere il centro, il fuoco e anche il senso dell'immagine.
Ecco, questo ep sembra una fotografia dalle dimensioni troppo piccole per farci entrare tutto quello che Daniele Isola vorrebbe mostrare. Che è sostanzialmente un campionario di tante delle forme che può assumere il nostrano pop cantautorale, da quello di scuola romana a quello made in Torino (produce Cristiano Lo Mele), ora un po' più rock ora raffinato e poi quasi nazional-popolare, un momento folkeggiante e quello dopo metropolitano, prima bianchissimo e dopo macchiato di black.
Tutto gradevole e intelligente, testi compresi, questo sì, e però resta quella sensazione di sfocatura; niente comunque che non si possa risolvere trovando un'inquadratura più stretta e decisa.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >