Malam Malam Introspezione 2015 - Rap, Indie, Hip-Hop

Malam  Introspezione precedente precedente

Sardinia Hip-Hop. Esce "Introspezione", album di Malang che conferma la fertilità musicale dell'isola sarda

Questo "skinhead" non è di certo un novellino. Malam, classe 1980, rapper, beatmaker, breaker. Fa parte della cultura hip hop made in Sardegna fin dagli anni '90, ha alle spalle diversi tour, festival e collaborazioni che lo hanno reso noto nella sua isola. Grazie al supporto della sua crew e dei suoi fan nell'aprile 2015 pubblica "Introspezione", un album che riassume la vita e la visione del mondo che il rapper ha acquisito negli anni di gavetta nello scenario hip hop sardo.

L’album si presenta con un artwork molto affine a quello che è il titolo ma la grafica ricorda molto lo stile di FR3NK, designer della Machete Productions, celebre per le scenografie, la grafica e il merchandising di Salmo, anche lui di origini sarde.

L’album è composto da 14 tracce che vedono qualche collaborazione e riferimenti a sonorità della vecchia scuola del rap italiano. Apprezzabili le parti in cui viene inserito lo scratch, è raro sentirlo negli ultimi anni, ma cosa rappresenta meglio il genere hip hop di un vinile ben campionato e fatto sbalzare su un giradischi?

Malan in questo album esprime se stesso con la sua rabbia, le sue barre, il suo flow, la sua metrica, ma a volte non riesce a essere del tutto incisivo. A parte il tono di voce, rauco, cupo, frutto forse di troppi whiskey e sigarette, e in finale un po’ superato, gli incastri metrici non sempre funzionao, qualche punch line ben inserita sul beat avrebbe dato più valore ai testi e alle tracce stesse. Anche le rime risultano spesso un po’ ovvie ma rientrano nel suo modo di esprimersi, diventandone una caratteristica.

Cerco risposte sepolte con un vinile al tuo fianco”: la traccia “Posso sentirti” è un canto straziante e doloroso, una poesia arrabbiata dedicata a un compagno di viaggio morto e una riflessione su quella che è la nostra vita e su cosa ci aspetta dopo la morte. L’atmosfera creata dal beat con pochi bpm e il vinile che accompagna il tutto ci porta nella sua realtà un po’ triste e amareggiata. Ma è nella traccia d’apertura “Fallo adesso” che risalta davvero il suo intero stile. Anche qui immancabile lo scratch, brevi strofe di sfogo riguardanti il dolore e il sacrificio di una vita dedicata alla musica ma la proiezione di un futuro (forse) migliore. Nella traccia “Adiosu” in dialetto sardo, parla del suo paese e di come la realtà che lo circonda lì non lo soddisfi. Un testo a tratti punk, di rivolta e di indignazione. Parla di una terra spopolata, abbandonata e di come andare via sia l’unico modo di redenzione. Forse farebbe meglio a rivalutare la sua Terra, perché la storia ci insegna che senza delle salde fondamenta è alquanto difficile costruire palazzi.

---
La recensione Malam Introspezione di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-07-21 00:00:00

COMMENTI (5)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • ctn 6 anni Rispondi

    Ciao Mr Pruiti , non sarebbe il caso di aprire il cd e ascoltarlo? un abbraccio.

  • grazianurchi 6 anni Rispondi

    datti all ippica che l hip hop non fa per te! Antonio Pruiti ser gai tontu? :P

  • welcometomars 6 anni Rispondi

    Antonio Pruiti.... tu i libri li leggi dalla copertina

  • salk1 6 anni Rispondi

    forse faresti meglio tu a rivalutare le stronzate che scrivi!!!! procaridade!!! addio!!!

  • noname 6 anni Rispondi

    Salve rockit!
    Premetto che il sardo è una lingua e non un dialetto :)
    Credo che specialmente per quanto riguarda la traccia di Malam "Adiosu" ci sia qualche fraintendimento...adiosu parla di un vero e proprio attaccamento alla terra sarda,almeno così l'ho vista io e credo tante altre persone...Il fatto di essere costretti ad abbandonare la propria Terra che in questo periodo non da sbocchi per vivere, Non riesco poi a capire cosa significhi"un testo a tratti punk".
    "Forse farebbe meglio a rivalutare la sua Terra, perché la storia ci insegna che senza delle salde fondamenta è alquanto difficile costruire palazzi."
    Credo non ci sia nulla da rivalutare,le fondamente sono solide e tende a rimarcarlo in quasi tutto il suo lavoro(vedi la traccia energia naturale.)
    Ovviamente è tutta una questione di gusti,questione di cosa una persona che recensisce ascolta. Credo che Introspezione possa piacere o non piacere,per quanto mi riguarda è davvero un ottimo lavoro. Lo stile di malam per chi lo conosce e chi ha ascoltato anche il suo primo album "malam intè" lo trova profondamente sulle tracce "deo bi sò" ,"bobore" e "nazzemilu boisi"
    Saluti!