18/09/2015

Jesus Dies Alone, duo di Roma, approccia il 2015 pubblicando il primo disco con l'attuale formazione: il risultato è l'album omonimo prodotto dall'etichetta Body&Soul.

Dieci tracce per registrare i parametri principali del proprio esordio: la musica dei due musicisti è riconducibile al rock alternativo, ingabbiato in una densa coltre di suoni elettrificati e ritmiche cadenzate; a contorno, i testi cantati (con efficacia) in lingua inglese. Brilla di luce propria “Carry on”, brano dove i Depeche Mode della prima ora incontrano una vaga venatura post-punk.

Convince in termini di coerenza musicale il disco, ma proprio il punto maggiore di forza lascia il fianco scoperto a eventuali critiche: nei dieci brani, quantitativo abbondante per sviluppare un ascolto organico, si rincorrono gli stessi pattern e tessiture melodiche senza particolari sviluppi o sperimentazioni; aspetteremo con trepidazione il prossimo disco proprio per questo motivo: vedere Jesus Dies Alone più temerari e propositivi.

---
La recensione Jesus Dies Alone - Recensione - Jesus Dies Alone di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 18/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati