ARVIOUX Choices 2015 - Pop, Elettronica, Electro

Choices precedente precedente

Quando l'ascolto diventa un po' troppo "easy"

"Choices" è il secondo singolo del progetto Arvioux che i musicisti Alberto Gatti e Matteo Crozza hanno ideato nel 2013. Il pop elettronico e la voce effettata riportano subito alle estati della nostra giovinezza, quando gli Eiffel 65 erano sempre presenti a Top of The Pops e Festivalbar a suonare le loro hits di livello mondiale. 
Credevamo che l'auto-tune e il pitch correction, rispettivamente la correzione delle note calanti e dell'intonazione, fossero spariti e ufficialmente vietati nel mondo della musica: ci sbagliavamo terribilmente.

La struttura semplice di "Choices", basata su una ripetizione stressante della frase "There is something, we should talk!" e di un sintetizzatore banale e scontato, ricorda uno dei gruppi di punta dell'electropop italiano: i valdostani Dari. La canzone parla di un appello accorato che un partner rivolge all’altro per esortarlo a parlare di ciò che non va nella loro relazione e poter poi fare delle scelte. Su questo non possiamo farci nulla: la standardizzazione dei topic delle canzoni è una caratteristica intrinseca del movimento pop.

Purtroppo/per fortuna il duo è al lavoro al loro primo ep, “Ouview”. 

---
La recensione Choices di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-09-28 08:00:00

COMMENTI (6)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • matttheskater 6 anni Rispondi

    Vorrei precisare che non faccio più parte del progetto "Arvioux" da giugno 2015..e il mio cognome è "Cozza" e non "CRozza"!

  • umbeinno 7 anni Rispondi

    Gli eiffel usavano il vocoder non l'autotune.

  • mikor 7 anni Rispondi

    Le definizioni riportate sono corrette, ma non ne hai capito il senso.
    L'autotune è il nome del più diffuso software di correzione di pitch (intonazione),
    non sono due strumenti distinti.
    Probabilmente quello a cui tu ti riferisci è il vocoder, che è tutt'altra tecnica.
    Questo solo per dirti che hai dedotto delle conclusioni superficiali basandoti su argomenti che conosci poco.
    Poi che non ti piaccia è sacrosanto, ma è un'altra faccenda.

  • Tanaquas 7 anni Rispondi

    Buongiorno Mikor,

    È mia premura informarmi sempre sugli artisti e sulle tecniche utilizzate per produrre musica. Nella quasi totalità dei casi sono gli artisti stessi a contattarmi per aggiungere dettagli che non si possono trovare nelle press release.
    In altri casi, invece, sono io a ricercare e a studiare la traccia, sotto il lato tecnico (come si vede dalla maggior parte delle recensioni che ho fatto).

    Ti riporto la definizione di auto-tune e pitch-correction a cui ho sempre fatto riferimento. Nel caso ci fosse qualche errore ti prego di segnalarmelo in modo tale da evitare di rifarmi a queste definizioni in futuro.

    Auto-tune: "Auto-Tune is an audio processor created by Antares Audio Technologies which uses a proprietary device to measure and alter pitch in vocal and instrumental music recording and performances. It was originally intended to disguise or correct off-key inaccuracies, allowing vocal tracks to be perfectly tuned despite originally being slightly off-key."

    Pitch-correction: "Pitch correction is the process of correcting the intonation of an audio signal without affecting other aspects of its sound."

    Volevo inoltre precisare che la frase "non si usano più" era puramente ironica per sottolineare come le sonorità stile "Eiffel 65", dove l'utilizzo dei due strumenti citati sopra, stanno ormai scomparendo.

    Buona giornata!

  • mikor 7 anni Rispondi

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

  • mikor 7 anni Rispondi

    quindi l'autotune corregge le note calanti, mentre il pitch correction corregge l'intonazione?
    ...e non si usano più...

    Se non conosci l'argomento di cui scrivi, puoi sempre informarti.
    Ciao! :)

IL TUO CARRELLO