stefano meli GHOSTRAIN 2015 - Strumentale, Blues

GHOSTRAIN precedente precedente

Prosegue nel suo lavoro il chitarrista ragusano Stefano Meli, con un blues che sconfina nell'ambient e che, nonostante la lunghezza di alcuni passaggi, sembra più ispirato delle sue prove precedenti

Prosegue il suo lavoro il chitarrista ragusano Stefano Meli, che con questo suo quinto disco insiste nella dimensione a lui congeniale, quella di un blues molto contaminato, evocativo, con suggestioni etno e folk e aspirazioni da colonna sonora. Ancora una volta brani molto lunghi e articolati, affidati unicamente alle sue sei corde (anche come slide, dobro, charango) con poche eccezioni (l'armonica e la batteria in "Silence", le percussioni in "Isolation").

L'ispirazione sembra essere decisamente più a fuoco, in questo album, confrontato coi precedenti, ad esempio in brani come "Gaza" e il già citato "Isolation", dotati di un vero e proprio sviluppo narrativo che si dipana piano piano a partire da un tema modale (nel primo) e da un arpeggio dalle tonalità scure (nel secondo); o in "Winter", che riesce a far convivere due spunti apparentemente in contrapposizione, con una base molto cupa e l'apertura melodica del lead.

Rimane però, in altri episodi del disco, la sensazione di un'eccessiva lunghezza di certi passaggi (grossa parte della title-track, o la monotona "Fuckin'") e la tendenza, che già Renzo Stefanel aveva notato, a sfumare in sottofondo, a perdersi nelle maglie dell'ascolto senza lasciare veramente il segno. O comunque a diventare ambient, non proprio nell'accezione di Brian Eno, ma in una sorta di sua compagine roots. Il che potrebbe anche essere una cosa voluta, e chissà, guadagnare a Stefano Meli un pubblico diverso rispetto a quello del blues classico.

---
La recensione GHOSTRAIN di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-11-16 09:35:00

COMMENTI (4)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • Andy-Rocchi 4 anni Rispondi

    È come ascoltare james taylor e marc ribot in psichedelia da pink floyd..bravo..mi ci perdo nei tuoi arpeggi..la Sicilia esce moltissimo. Davvero blues isolano

  • littlelost.cat 6 anni Rispondi

    @BitRider
    contento che ghostrain ti sia piaciuto.

  • BitRider 6 anni Rispondi

    Bluesettone da whisky e distese di grano turco. Gran bel sound.

  • littlelost.cat 6 anni Rispondi

    Grazie per la recensione Silvio.