ZEUS! MOTOMONOTONO 2015 - Sperimentale, Psichedelia, Progressive

Disco della settimanaMOTOMONOTONO precedente precedente

Avvicinati pure, non morde mica (semmai azzanna e ti fa a brandelli)

Il titolo ti costringe a rallentare per leggerlo - e scriverlo - bene: “Motomonotono”. Uno scherzetto di un gruppo che di rallentare, invece, non ha voglia. Anzi, accelera, sconquassa e atterra come prima e molto più di prima: così è, se vi pare. Gli Zeus! dunque tornano e fanno quello che sanno fare meglio, una musica che è terra bruciata e metallo temprato. Il moto monòtono (o monotòno) del duo è uno sberleffo che fa paura: avvicinati pure, non morde mica (semmai azzanna e ti fa a brandelli). Non potrebbe essere altrimenti, siamo dalle parti del caos come modello di comportamento.

“Rococock Fight” ingrana la doppia marcia basso+batteria e spara un macello di distorsioni assurde e rullanti imbestialiti, una roba cattiva il giusto e corrosa da una voce che urla come dio - o Zeus - comanda. “Enemy E Core” è noise tribale a cavallo di tempi irregolari e ansiogeni che crescono fino a raggiungere un finale sospeso e irrisolto. “Shitfing” ha un andamento altalenante: momenti di relativa stasi intervallati da riff che sembrano volersi complicare la vita avvitandosi continuamente fino alla dissonanza definitiva. E poi c’è “Panta Reich”, un lungo brano che diremmo ambient se non stessimo parlando degli Zeus. E infatti la band progressivamente distorce e contorce la melodia iniziale: tuoni e fulmini, o giù di lì.

“Motomonotono” è una raccolta con un pedigree leggermente più Lightning Bolt e un pochino meno Locust (peraltro è ancora Justin Pearson con la sua ThreeOneG a pubblicare il cd, mentre Sangue Dischi e Tannen Records completano il giro con la versione in vinile). Ecco: rispetto al precedente “Opera” gli Zeus! danno l’impressione di puntare su un lavoro più compatto nei suoni e nella costruzione della scaletta. Un’omogeneità che da un lato evita sorprese - avanti tutta e fuoco a volontà - ma che dall’altro garantisce risultati e qualità. In breve: la botta c’è, i volumi pure, la tecnica neanche a dirlo. Deve fare un gran caldo, lassù nell’Olimpo.

---
La recensione MOTOMONOTONO di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-09-14 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • zeuspower 7 anni Rispondi

    #MOTOMONOTOUR ↯
    01.10.15 Blah Blah​. Torino [IT]
    02.10.15 Cascina Torchiera​. Milano [IT]
    09.10.15 The Hor Music Club​. Sassari [IT]
    10.10.15 Fabrik​. Cagliari [IT]
    16.10.15 Arci Tom​. Mantova [IT]
    17.10.15 Supersonic Music Club​. Foligno [IT]
    22.10.15 INIT.​ Roma [IT]
    23.1015 Cellar Theory​. Napoli [IT]
    24.10.15 GLUE​. Firenze [IT]
    28.10.15 Spazio Musica. Pavia​. [IT]
    30.10.15 Druso​. Bergamo [IT]
    01.11.15 Freakout Club​. Bologna [IT]
    05.1115 Dirockato Winter. Monopoli​. [IT]
    06.11.15 Onda Sonora​. Angri. SA [IT]
    07.11.15 Retronouveau​. Messina [IT]
    13.11.15 Astro. Fontanafredda. PN [IT]
    14.11.15 Langer Samstag​. Coira [CH]
    10.11.15 TBA Paris [FR]
    11.12.15 Le Confort Moderne​. Poitiers [FR]
    21.01.16 The Underworld Camden​. London [UK]
    23.01.16 Underground​. Plymouth [UK]
    30.01.16 Northern Winter Beat​ Fest. Aalborg [DK]
    07.01.16 Paniere​. Crema. [IT]
    08.01.15 Lio Bar​. Brescia. [IT]

IL TUO CARRELLO