< PRECEDENTE <
album XXIV - SAN LEOIn evidenza

recensione SAN LEO XXIV

Tafuzzy Records / CORPOC 2015 - Strumentale, Psichedelico

RECENSIONE
23/11/2015

Spesso quelli sintonizzati sui suoni nuovi si chiedono come sia possibile che qualcuno possa ancora appassionarsi a un genere considerato kaputt come il post rock. La risposta potrebbero darla i San Leo, che con “XXIV” alzano il livello e scuotono la terra un po' alla maniera dei Godspeed You! Black Emperor (solo che i canadesi sono mille e i nostri solo due, mica male allora, no?).
I San Leo vanno di decostruzione e ricostruzione, alternano fuoco e gelo, marciano compatti e scombinano i piani. Ci sono gli spigoli (il riff sgommato di “Relegati nelle vastità…”), c’è la tramontana (gli arpeggi riverberati di “Relegati nelle vastità…”) e ci sono i silenzi (le attese inquiete di “Relegati nelle vastità…”). Sì, è la stessa traccia. E sì, avete capito: sono brani lunghi e ambiziosi che vivono tante giravolte in una e che gasano il giusto, perché giusto è l’equilibrio sonico/armonico che si crea in questi pezzi. Il post rock è vita, amore e baccano e i San Leo trattano la materia con il dovuto rispetto: ascoltate quello che hanno da raccontare.

Commenti (1)
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani