IV Luna D’incanto 2003 - Psichedelia, Progressive, Metal

precedente precedente

Il dna del prog italiano non è andato perduto del tutto: qualche gene è stato perpetuato, sopravvive ed influisce su quei tratti essenziali che testimoniano inconfondibilmente la sua presenza.

Talento, tecnica e virtuosismo compositivo stanno alla base di tutta l’opera, mondo a tinte scure fra tenebre e inaspettati tratti di luce, racconti in penombra narrati dall’estesa voce di Michele Chessa, in italiano, scelta stilistica che evidenzia ancor più la profondità dei testi.

Ad aprire il disco è “Allucinazioni”, suggestivo brano strumentale che quasi spiana la strada, apre un varco attraverso il quale l’ascoltatore può intraprendere il cammino fra scenari talvolta bui, talora crepuscolari, che si susseguono senza sosta. Ed eccoci quindi catapultati in una “Isterica realtà”, nella quale appare anche la voce di Flegias dei Necrodeath ad enfatizzare ulteriormente il clima d’inquietudine del brano. Ma c’è spazio anche per le “Favole”, per tempi larghi nei quali il flauto traverso di Mirko Cicconi può tessere trame che smuovono l’aria.

Difficile - quanto inutile - cercare di trovare una collocazione di genere al quartetto romano; anzi, proprio in ciò sta uno dei punti di forza della band, che si distanzia decisamente dagli schemi classici dei vari ‘metal coi paraocchi’, approdando ad uno stile personale e maturo.

Si può fare solo riferimento alle diverse sensibilità cui i IV Luna in qualche modo attingono: dalle atmosfere progressive caratterizzate dai passaggi in odor di Dream Theater fino ai ritmati riff di chitarra in classico stile heavy, dal dark alla ‘luce’, sempre fuori da ogni cliché.

Dopo anni di gavetta e molti live alle spalle, dopo essersi autoprodotti il loro primo lavoro “Libera mente”, la Blond records di Enrico Capuano decide di puntare sui quattro ragazzi romani, che hanno l’energia e le capacità per farsi strada nel panorama italiano e non solo.

---
La recensione D’incanto di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-04-07 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia