FFD Old style (rarities & unrelaeased) 2002 - Rock'n'roll, Rock, Punk

precedente precedente

Gli FFD (acronimo per Four Flying Dicks) dopo 11 anni di attività fanno il punto della situazione, raggruppando in questa compilation una serie di brani dispersi negli ultimi 9 anni tra demo, 7" e compilation, e arricchendoli con un pugno di inediti e il video di 'La ragazza dei quartieri alti', brano risalente al '96, ma rivisto per l'occasione.

Un'occasione per gettare uno sgurado sulla storia del gruppo emiliano, trascorsa tra alterne vicende e almeno quattro formazioni diverse, aventi come unico denominatore comune il cantante/chitarrista Mono, vero motore della formazione.

Quello che i '4 Cazzi Volanti' propongono è un suono di derivazione 'oi', che allarga le sue influenze al Punk originario del '77 e non si nega nemmeno qualche sortita ska.

Il piatto è ricco, ben 24 brani per oltre un'ora di durata, ma il bello delle compilation di rarità è che ci si trova sempre più di una curiosità: in questo caso si passa dalla cover di 'Is this Love' di Bob Marley alla reinterpretazione OI della 'scena del treno' di "Una poltrona per due", passando per un accenno a 'No Limits', un brano dance molto in voga qualche anno fa (ma non chiedetemi di chi...), fino ad arrivare a un assaggino di jazz nella breve coda strumentale di 'Homicide'.

Il disco scorre bene: ritmi elevati e poca noia, tra inni alcolici - 'W la birra', 'Cantico dell'Osteria', 'Brindare in compagnia'-, tipici attacchi all'ordine - 'Polziotto Mercenario', 'Distruggi' -, e 'scene di vita quotidiana' , come la risucita 'Ragazza dei quartieri alti', sentimental - interclassista, o 'La classe non li vuole', attacco a certi 'intellettuali da salotto'.

Completano il tutto una manciata di brani cantati in inglese, e la riuscita invettiva contro i Green Day di 'Non abbiamo bisogno di voi', dall'intro spettacolare.

Un bel viaggio nella 'dimensione FFD insomma', sia per i fan della prima ora, sia per coloro che non li conoscevano.

Al termine dell'ascolto non rimane che salutare i quattro emiliani con un 'arrivederci a presto'.

---
La recensione Old style (rarities & unrelaeased) di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-05-28 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia