Francesco Leone Storie di una notte di mezza estate 2004 - Cantautoriale

precedente precedente

La chitarra è parecchio scordata e naif.

La voce non è un gran che - a tratti zompa del tutto fuori tonalità e non si capisce dove vada a parare. Le parole spesso si capiscono poco a causa di un molesto delay che le accavalla e distorce.

Eppure l'attitudine di Francesco Leone mi piace e mi interessa. Ha messo in piedi una specie di diario segreto della propria giovinezza, unendo piccoli abbozzi di canzoni accumulatisi negli anni. I modelli classici del cantautorato italiano gli sono serviti da canovaccio per porre in musica alcuni pensieri e sensazioni. Mi immagino Francesco seduto sul suo letto mentre, fra uno schizzo e l'altro per il corso d'architettura che frequenta, si appunta questi "sketches" musicali. Un pochetto mi immedesimo - io fino a ieri suo collega, e come lui un tempo chitarrista di "musica pesante".

E se il disco non è propriamente una 'festa' per l'orecchio, o i testi abusano spesso di topoi un po' vecchi della canzone d'autore - in particolare della canzone d'amore - comunque mi fa sentire leggero e mi mette di buon umore. Infine mi commuove la modestia con cui conclude l'opera mettendoci la parola “fine”, e ringraziandomi per il tempo che gli ho dedicato. (Non c'è di che: è stato un piacere!)

---
La recensione Storie di una notte di mezza estate di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-06-12 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia