Kyrie Le meccaniche del quinto 2004 - New-Wave, Dark, Alternativo

Le meccaniche del quinto precedente precedente

A suggello di una carriera decennale condita da centinaia di concerti e da quattro interessanti demo (“Da lontano”/1995, “Biennale”/1996, “In ricordo di Edith Behar”/1997 e “Le inutili divagazioni di un aeronauta”/2000), i Kyrie si lasciano alle spalle l’oscuro circuito delle auto-produzioni e con “Le meccaniche del quinto”, album prodotto dalla PmA records e distribuito dalla lungimirante Audioglobe, debuttano nel mercato discografico proponendosi come una delle più interessanti realtà della scena indie italiana.

Il loro cimento li vede protagonisti di un ispirato rock d’autore che, con i suoi tratti eleganti e raffinati, crea un intrigante rimando alle tematiche esistenzialiste e gli umori new wave di certe realtà musicali degli anni ottanta (Diaframma in primis, ma anche i Cure, a voler varcare gli italici confini).

Esempi emblematici sono “Lipsia 1933”, brano che con le sue struggenti immagini (“Lipsia anni trenta, roghi in piazza bruciano l’arte deformante”) apre in modo magistrale il cd, “Caffè viennese” infarcito di atmosfere romantiche e decadenti che rimandano alla Secession a Klimt e a Schiele, e “Decadenze” con i suoi ritmi serrati e lancinanti.

Ma queste, sono solo alcune delle perle disseminate dai Kyrie nel loro album: ce ne sono molte altre che brillano nelle liriche firmate da Piero Sciortino, nelle affascinanti alchimie sonore (davvero stupenda la melodia di pianoforte che apre “Rifugi culturali” e il ritmo ipnotico de “L’uomo macchina”) ma anche nel gusto estetico del booklet, impreziosito da suggestive immagini e nelle citazioni sparse tra i testi delle canzoni (Kafka, Mahler, gli haiku giapponesi…).

Tante evidenti dimostrazioni di talento, alla luce delle quali non resta che augurarsi che, per i Kyrie, questo sia il disco della svolta e che la “visibilità” raggiunta sia foriera dei meritati successi.

---
La recensione Le meccaniche del quinto di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-07-05 00:00:00

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 16 anni Rispondi

    Nessun commento a questa ottima recensione ?

  • utente0 16 anni Rispondi

    Li conosco da anni. La loro performance alla fnac di Milano è stata ottima. Il cd è ottimo, peccato per alcuni suoni e per il suono di batteria... voluto ? mah

  • asceta 16 anni Rispondi

    Ottima la recensione di Federico come tante altre recensioni che ho letto sui Kyrie. Tutte finisco esaltando il fatto che i Kyrie si meritano altri palcoscenici, ben + alla ribalta. Ora mi chiedo.... ma perchè allora non li vediamo comparire nei primi posti delle classifiche dei migliori album del 2004 con il loro "Le meccaniche del quinto" ????
    baci e abbracci.