< PRECEDENTE <
RECENSIONE
15/07/2004

I Danny’s Wednesday sono attivi dal 1998 e hanno avuto, lungo la loro strada, riconoscimenti dalla critica e dal pubblico per il loro eccellente punk-pop. Guidati dalla bella voce di Amanda, assorta un po’ ad icona del gruppo, i Nostri arrivano al traguardo (?) del terzo album - “Third” appunto. Già dalla grafica giocata interamente sul gusto pop - prendendo a piene mani da pubblicità, package-design e citazioni cinematografiche - si capisce che le quattordici tracce del disco saranno solari, frizzanti e sbarazzine. E le attese vengono soddisfatte, addirittura superate in quanto a qualità; infatti, vuoi la già citata voce di Amanda (davvero piacevole e azzeccata), vuoi l’esperienza e il talento, i 5 liguri riescono a mettere in fila canzoni catchy e melodiche al punto giusto, senza annoiare nonostante l’intrinseca staticità dello stile scelto.

La partenza, affidata all’ottima “Spin in my car”, ricorda in certe sfumature i Prozac+ nei momenti più melodici, ma solo in certe sfumature della voce. Poi le somiglianze si fanno sempre più flebili, con il quintetto ad esplorare sonorità meno aggressive e cupe. Brani come “Love story”, col suo discreto uso delle tastiere e la vocina delicata che pare uscita da certo pop anni ‘70, e l’azzeccata “Can’t get out”, portano il disco senza rallentamenti alla conclusione.

Tirando le fila del discorso, “Third” non è certo un album per tutti i palati, ma potrà facilmente soddisfare tutti coloro che sentono la mancanza di quell’approccio easy alla Ramones. E forse le patatine richiamate dalla copertina sono una buona immagine: salate, semplici... e gustose!

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >